Italia markets open in 5 hours 25 minutes
  • Dow Jones

    34.393,75
    -85,85 (-0,25%)
     
  • Nasdaq

    14.174,14
    +104,72 (+0,74%)
     
  • Nikkei 225

    29.440,45
    +278,65 (+0,96%)
     
  • EUR/USD

    1,2121
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • BTC-EUR

    33.248,16
    +824,33 (+2,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.008,09
    +39,25 (+4,05%)
     
  • HANG SENG

    28.842,13
    0,00 (0,00%)
     
  • S&P 500

    4.255,15
    +7,71 (+0,18%)
     

Milan, le pagelle di CM: Diaz è un mago, che partita di Tomori. Pioli non sbaglia nulla

·2 minuto per la lettura

Milan-Juve 3-0, le pagelle dei rossoneri

G. Donnarumma 6: nel primo tempo mette paura ai suoi difensori con un paio di uscite avventate. Si riscatta con una grande parata su Bentancur a inizio ripresa.

Calabria 7: gioca da terzo centrale e lo fa con una intelligenza tattica straordinaria: non concede spazio a Chiesa per attaccare la profondità. Quando deve impostare lo fa con una qualità da Nazionale, il messaggio al ct Mancini è arrivato forte e chiaro.

Kjaer 7,5: sovrasta Cristiano Ronaldo in ogni zona del campo. Leader maximo.

Tomori 8: decisivo sia nel primo che nel secondo tempo: salva un gol fatto su Rabiot al 15', realizza quello dello 0-3 con uno stacco imperioso.

Theo Hernandez 7,5: aumenta subito i giri al motore e inizia ad attaccare quasi da esterno alto. I difensori bianconeri sono costantemente costretti al fallo per fermare l'impeto del terzino francese.

Bennacer 7: dirige il traffico a centrocampo con grande lucidità. Gioca corto e lungo sbagliando pochissimi palloni. (dal 36' st Meite s.v)

Kessie 6,5; mezzo voto in meno per il rigore fallito che va a macchiare una prestazione di grandissimo livello.

Saelemaekers 6,5: molto interessante la ricerca dell'uno-due con Calhanoglu entrando dentro a campo. Buona qualità e fantastica qualità: garantisce equilibrio e ritmo alla manovra.

Brahim Diaz 8,5: la mossa a sorpresa di Pioli, l'uomo che decide la partita più importante della stagione per il Milan. Entra in campo con il fuoco dentro, fa le prove generali con andando al tiro dal limite in due occasioni. E lo trova con destro a giro che finisce la corsa proprio all'incrocio dei pali. Fa letteralmente impazzire la linea difensiva della Juventus anche nella prima parte del secondo tempo, sua la conclusione che porta al calcio di rigore. Esce per un problema muscolare. (dal 25' st Krunic 6,5: non ha i colpi del compagno spagnolo ma garantisce qualità nel palleggio nel finale di gara)

Çalhanoglu 7: prezioso lavoro in fase di non possesso quando va in pressing su tutti i portatori di palla avversari. A volte non sembra rapido nella scelta giusta della giocata ma poi disegna un cross con il contagiri per la zuccata di Tomori.

Ibrahimovic 6,5: sbaglia tanti tocchi per lui facili. Non è nella sua miglior serata ma fa valere tutta la leadership che è mancata negli anni scorsi a questa squadra. Tiene in ansia il Milan per un infortunio al ginocchio che lo costringe ad abbandonare la contesa (dal 20' st Rebic 7,5: realizza il gol che chiude la partita con un destro sull'angolo più lontano. Una gemma che nobilita il lavoro fatto negli ultimi mesi).

All. Pioli 8: stravince il duello con Pirlo: stupisce con la mossa Diaz, non sbaglia nemmeno i cambi. Una vittoria fantastica che è il giusto premio al percorso fatto con questo gruppo.