Italia markets close in 24 minutes
  • FTSE MIB

    26.328,55
    +59,93 (+0,23%)
     
  • Dow Jones

    35.428,98
    +170,37 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    15.107,85
    +86,04 (+0,57%)
     
  • Nikkei 225

    29.215,52
    +190,06 (+0,65%)
     
  • Petrolio

    82,99
    +0,55 (+0,67%)
     
  • BTC-EUR

    53.892,57
    +279,00 (+0,52%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.459,03
    -4,33 (-0,30%)
     
  • Oro

    1.773,60
    +7,90 (+0,45%)
     
  • EUR/USD

    1,1647
    +0,0028 (+0,24%)
     
  • S&P 500

    4.513,45
    +26,99 (+0,60%)
     
  • HANG SENG

    25.787,21
    +377,46 (+1,49%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.160,28
    +8,88 (+0,21%)
     
  • EUR/GBP

    0,8436
    -0,0020 (-0,23%)
     
  • EUR/CHF

    1,0726
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,4384
    +0,0020 (+0,14%)
     

Milano, Bernardo: in 60% scuole comunali difetti strutturali

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 22 set. (askanews) - Il 60% delle scuole pubbliche comunali di Milano ha "importanti difetti strutturali". Lo ha affermato il candidato sindaco del centrodestra alle amministrative di Milano Luca Bernardo. "Io l'avevo detto prima dell'estate - ha detto in un incontro con la stampa al quartiere Lorenteggio assieme ai rappresentati delle liste che lo sostengono -. L'ho ribadito una settimana prima dell'inizio della scuola: il 60 per cento delle scuole pubbliche comunali del Comune di Milano ha importanti difetti strutturali". "Non sono stato ascoltato - ha aggiunto - e ieri a corso Lodi è stata evacuata una scuola a rischio di caduta del soffitto; abbiamo in via Massaua 200 bambini con le rispettive famiglie che devono fare chilometri per andare a scuola ed è incredibile". Bernardo ha incontrato ieri un gruppo di genitori di scolari della scuola di via Massaua chiusa a luglio scorso, con conseguenti disagi delle famiglie. Il candidato ha osservato che esiste "un preventivo di circa 800 mila euro per rimettere a posto quella scuola, ma non si sa quali siano i lavori da fare, sono in una situazione in cui la scuola vicina non ha ancora un cantiere aperto".

Il candidato del centrodestra ha aggiunto che "bisogna chiedere al sindaco uscente e alla Giunta, che però ha detto che andrebbe cambiata, quindi squadra che si cambia non è squadra vincente. Queste sono le domande che ora, ma già diverso tempo fa gli abbiamo proposto". "Il tema delle scuole va affrontato e risolto - ha concluso - non solo tocca i bambini ma anche le famiglie".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli