Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.927,22
    +129,22 (+0,37%)
     
  • Nasdaq

    15.002,01
    -45,69 (-0,30%)
     
  • Nikkei 225

    30.240,06
    -8,75 (-0,03%)
     
  • EUR/USD

    1,1703
    -0,0015 (-0,13%)
     
  • BTC-EUR

    36.850,04
    -361,90 (-0,97%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.068,42
    -33,10 (-3,00%)
     
  • HANG SENG

    24.208,78
    +16,62 (+0,07%)
     
  • S&P 500

    4.453,08
    -2,40 (-0,05%)
     

Milano e Lombardia guidano crescita mercato immobiliare italiano

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 27 lug. (askanews) - Milano si conferma la città trainante del mercato immobiliare italiano e la Lombardia conquista il primo posto a livello nazionale per numero di transazioni. Questo quanto emerge dal primo Outlook Semestrale di Real Estate Data Hub, analisi nata dalla collaborazione tra Re/Max Italia e Avalon Real Estate Spa. Nel secondo trimestre 2021 il mercato residenziale milanese, in particolare, è stato caratterizzato da un costante aumento della domanda. Anche i prezzi registrano un andamento crescente attestandosi su livelli leggermente superiori rispetto al 2020, ad eccezione dei monolocali per i quali cala la richiesta. In controtendenza rispetto alla tendenza regionale e nazionale, si rileva un aumento dei tempi di vendita nel capoluogo lombardo. Tuttavia, il mercato milanese rimane uno dei più dinamici, con 102 giorni necessari alla vendita di un appartamento registrati nel Q2.

In linea con la maggior propensione all'acquisto di bilocali nel capoluogo lombardo, la maggior richiesta di mutui da parte di giovani che prediligono il tasso variabile in vista di un cambio casa nel medio periodo (dati: Ufficio Studi 24Max). Da segnalare inoltre, che oltre il 78% degli immobili transati a Milano appartiene alle ultime tre classi energetiche (E, F, G), offrendo buone opportunità di accesso agli eco-incentivi.

Nel 2020 a livello nazionale, il settore non residenziale ha subito un calo pari a quasi un terzo del volume annuale delle transazioni, seppure con una tendenza meno negativa nel secondo semestre rispetto al primo. A Milano nel 2021 il direzionale registra una ripresa sostanziale già dal primo trimestre, con un numero di transazioni raddoppiato rispetto allo stesso periodo nei due anni precedenti, dovuto in parte al realizzarsi di operazioni rimandate nel corso dello scorso anno. Le zone in cui si concentrano maggiormente gli investimenti si collocano nel centro storico (Duomo in particolare) che conferma la sua solidità, seguito dai più recenti distretti direzionali di Porta Nuova e City Life e dalle zone semiperiferiche a ovest e a sud della città.

Nel commerciale il Q1 2021 mette a segno un numero di transazioni in linea con gli andamenti pre-pandemia del Q1 2019. In generale, i maggiori investimenti si concentrano nella zona ovest, in prossimità del distretto di City Life. Dinamismo nel logistico, che da solo rappresenta oltre la metà del mercato non residenziale al dettaglio, dove la domanda si concentra su soluzioni urbane e last mile. Stabili i canoni di affitto per immobili logistici nell'area metropolitana di Milano che si attestano sui 65 €/mq/anno. Cifra che sale a 90 €/mq/anno in caso di soluzioni last mile. Nel raggio di 30 minuti dal centro di Milano, il prezzo medio di vendita per immobili logistici è pari a 570 €/mq.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli