Italia markets close in 4 hours 55 minutes
  • FTSE MIB

    25.536,75
    +183,39 (+0,72%)
     
  • Dow Jones

    33.919,84
    -50,63 (-0,15%)
     
  • Nasdaq

    14.746,40
    +32,49 (+0,22%)
     
  • Nikkei 225

    29.639,40
    -200,31 (-0,67%)
     
  • Petrolio

    71,61
    +1,12 (+1,59%)
     
  • BTC-EUR

    36.072,79
    -990,00 (-2,67%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.054,17
    -9,67 (-0,91%)
     
  • Oro

    1.776,10
    -2,10 (-0,12%)
     
  • EUR/USD

    1,1736
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • S&P 500

    4.354,19
    -3,54 (-0,08%)
     
  • HANG SENG

    24.221,54
    +122,40 (+0,51%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.136,28
    +38,77 (+0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8598
    +0,0019 (+0,22%)
     
  • EUR/CHF

    1,0816
    -0,0014 (-0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,4993
    -0,0030 (-0,20%)
     

Milano, Grandi e Monguzzi capilista dei Verdi: puntiamo al 5%

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 4 ago. (askanews) - Saranno Elena Grandi e Carlo Monguzzi i capilista dei verdi a Milano, a sostegno della candidatura di Beppe Sala a sindaco. Gli ambientalisti puntano a superare la soglia del 5%: "Dobbiamo essere ambiziosi", ha spiegato Grandi che è co-portavoce nazionale della Federazione dei Verdi. Monguzzi, consigliere comunale uscente del Partito democratico, ha scelto di cambiare lista spinto anche dal sindaco Sala: "Ho perorato l'ingresso di Monguzzi nei Verdi perché credo che abbiano bisogno di essere rafforzati con competenze ed esperienza. Ci tengo che siano forti nelle preferenze, la mia è una promessa e una richiesta di aiuto", ha aggiunto il numero uno di Palazzo Marino che nei mesi scorsi ha aderito ai Verdi Europei.

Per Monguzzi la prossima consiliatura milanese sarà quella del "cambio di passo: non è più il momento delle mezze misure - ha detto - bisognerà cambiare marcia perché la transizione ecologica non è un pranzo di gala". Tra le priorità della lista c'è l'impegno per ridurre l'impatto del riscaldamento delle case, che genera in città il 45% delle emissioni, e un piano di incentivi per agevolare il cambio delle auto più inquinanti.

"La città verde si costruisce a partire dai fondi del Pnrr che ci permetteranno di fare una serie di interventi sui sistemi di riscaldamento dei beni pubblici e sugli impianti energetici", ha aggiunto Sala. "Sul cambio degli autobus di Atm e sul prolungamento delle metro stiamo lavorando da tempo e mi pare che sia una svolta verde molto concreta. Non sono quasi mai nella vita per il no, ma spesso per un sì condizionato e strutturato. Ed è l'invito che faccio ai verdi: il mio vuole essere un ecologismo globale, molto pragmatico", ha concluso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli