Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.938,52
    -66,88 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.580,08
    -59,71 (-0,17%)
     
  • Nasdaq

    15.085,47
    -295,85 (-1,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.029,57
    +276,20 (+1,00%)
     
  • Petrolio

    66,22
    -0,28 (-0,42%)
     
  • BTC-EUR

    47.342,93
    -3.271,24 (-6,46%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.367,14
    -74,62 (-5,18%)
     
  • Oro

    1.782,10
    +21,40 (+1,22%)
     
  • EUR/USD

    1,1317
    +0,0012 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    4.538,43
    -38,67 (-0,84%)
     
  • HANG SENG

    23.766,69
    -22,24 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.080,15
    -27,87 (-0,68%)
     
  • EUR/GBP

    0,8550
    +0,0056 (+0,66%)
     
  • EUR/CHF

    1,0372
    -0,0025 (-0,24%)
     
  • EUR/CAD

    1,4528
    +0,0056 (+0,39%)
     

Milano, più controlli e servizi sociali per quartiere S.Siro

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 26 ott. (askanews) - Mettere insieme un "attento controllo del territorio con impegni sul fronte sociale e dei servizi". Secondo il prefetto di Milano, Renato Saccone, è questo l'obiettivo principale del protocollo d'intesa per la rigenerazione del quartiere San Siro da lui firmato oggi in corso Monforte insieme al sindaco Giuseppe Sala, all'assessore regionale alla Casa Alessandro Mattinzoli e al presidente di Aler Milano, Mario Angelo Sala. Un patto di collaborazione nato, ha ricordato il prefetto, anche dall'allarme suscitato dai disordini dello scorso aprile in piazzale Selinunte nati dalla mobilitazione di circa 300 giovani da parte del rapper Neima Ezza. "Alcune attività sono già in corso, speriamo che si crei una rete con l'individuazione di spazi fisici. Nel giro di una quindicina di giorni è prevista la prima riunione operativa" ha aggiunto Saccone.

Si tratta, ha evidenziato Angelo Sala, di riqualificare un quadrilatero di 6.000 appartamenti, 800 dei quali occupati abusivamente. Una "città nella città" che negli ultimi anni ha vissuto "una sostituzione del tessuto sociale, con l'abbandono di spazi commerciali". Il pensiero condiviso è che la ristrutturazione dei fabbricati non basti, ma serva l'impegno di tutti i soggetti in campo, a partire dai servizi sociali. Un primo passo sarà il trasloco, grazie a un accordo con il Comune, dell'attuale sede Aler di via Newton all'interno del quartiere vero e proprio.

Si tratta, ha osservato Mattinzoli, di "uno dei quartieri più popolosi di Milano, con tanti stranieri di cui la metà abusivi, e con disagi e fragilità notevoli anche tra i regolari. Negli ultimi anni la situazione è peggiorata nonostante gli sforzi e questo protocollo può essere l'avvio di un percorso nuovo. Alle ultime elezioni ha votato il 24% dei residenti, questo deve far riflettere così come la protesta del rapper e proteste più silenziose. Può essere un banco di prova per la collaborazione tra istituzioni. C'è bisogno di un mix sociale che possa garantire vivibilità e legalità, senza essere repressivi".

Le leve sulle quali agire, ha osservato il sindaco Sala, sono quattro: "Casa, socialità, cultura e sicurezza. Ovvio che la casa appaia e forse sia la più rilevante, ma rimane il fatto che se qualcuno intende continuare a strumentalizzare il disagio la realtà ci dice che non serve, restiamo sempre lì all'idea che possa portare dei vantaggi elettorali a chi non governa. Questa è la verifica della volontà di cambiare registro, dibattere su 'case agli italiani, case agli stranieri' rischia di farci perdere un'opportunità e in questo momento storico non si può. Dobbiamo lavorare su nuovi progetti educativi e anche sulla presenza di più forze dell'ordine".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli