Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.058,80
    -141,87 (-0,41%)
     
  • Nasdaq

    13.897,84
    -154,51 (-1,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.685,37
    +2,00 (+0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,2038
    +0,0058 (+0,48%)
     
  • BTC-EUR

    46.196,89
    -200,76 (-0,43%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.258,10
    -40,86 (-3,15%)
     
  • HANG SENG

    29.106,15
    +136,44 (+0,47%)
     
  • S&P 500

    4.160,38
    -25,09 (-0,60%)
     

Milano in rosso con europee su timori nuovi lockdown, Leonardo rinvia Ipo Drs

Fabio Carbone
·3 minuto per la lettura

La Borsa di Milano apre in rosso, con l’indice FTSE MIB in negativo del -0,22% attuale, ma con una apertura ben più negativa sotto i 24 mila punti.

A pesare sui listini internazionali, compresa l’Asia le cui borse hanno chiuso tutte in territorio negativo, ci sono i timori per una ripresa sperata ma che appare ancora lontana dopo le varie chiusure annunciate e messe in campo da vari Stati e dopo le interruzioni di alcuni vaccini e il rischio di una guerra dei vaccini che potrebbe bloccare le esportazioni, causando ulteriori ritardi alla ripresa economica.

A innervosire Hong Kong ci ha pensato lo stop del governo ad un lotto del vaccino Pfizer BioNTech che viene distribuito sul territorio dalla società farmaceutica Fosun Pharma. Uno stop dovuto a un cattivo confezionamento delle fiale, ma il governo ha precisato che si è trattato di uno stop precauzionale, tuttavia il titolo di Fosun è crollato del -4%.

In Europa la stretta del presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron che ha deciso la chiusura del distretto di Parigi e di altre 14 regioni francesi, unita alla stretta che la Merkel ha prolungato per quasi tutto aprile in Germania, non tranquillizzano.

E probabilmente tranquillizza ancor meno i mercati la decisione di Boris Johnson di inasprire alcune misure nel Regno Unito, nonostante la loro campagna vaccinale abbia superato la somministrazione di metà della popolazione adulta.

AstraZeneca (AZN) che in Europa ha consegnato solo un quarto delle dosi previste da contratto, e il rischio di un blocco incrociato nelle esportazioni (ieri l’ambasciatore inglese presso l’UE ha parlato della questione a Bruxelles), fanno il resto.

Leonardo rinvia l’Ipo di Drs negli USA

Date le condizioni di mercato ancora avverse, Leonardo ha comunicato che la controllata statunitense Leonardo US Holding, ha rinviato l’offerta pubblica iniziale (Ipo) di Leonardo Drs per condizioni avverse di mercato.

La Leonardo Drs fornisce sistemi d’arma alle forze militari e alle agenzie di spionaggio.

Leonardo ha spiegato che durante il roadshow i potenziali investitori hanno mostrato interesse per l’offerta pubblica, tuttavia le condizioni di mercato non hanno consentito una adeguata valutazione di Drs e per tale motivo ne hanno deciso il rinvio.

Gli investitori non sono pronti a scommettere su questo tipo di settore in questo momento.

Il titolo Leonardo (LDO) è giù del -5,46% questa mattina.

Segnali di speranza nell’eurozona

Qualche segnale di speranza dall’euro zona comunque arriva. Il PMI composito di IHS Markit per l’eurozona a marzo è salito a 52.5 punti rispetto ai 48.1 punti di febbraio. Un piccolo ma significativo segno di speranza, dal momento che valori sopra il 50 indicano una situazione di ottimismo e di espansione dell’economia.

L’indicatore batte le aspettative degli analisti e questo potrebbe dare una maggiore speranza ai mercati europei che questa mattina sono partiti lievemente in territorio negativo, Milano compresa.

Per quest’anno la Banca centrale europea (BCE) si attende un PIL al 4%, mentre per il 2022 si attende un PIL dell’euro zona del +4,1%. Ovviamente tutto dipenderà da quando realmente usciremo dalla pandemia, che al momento non è ancora finita come tutti speravamo.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: