Italia markets close in 1 hour
  • FTSE MIB

    24.121,34
    +32,69 (+0,14%)
     
  • Dow Jones

    33.999,60
    +178,30 (+0,53%)
     
  • Nasdaq

    13.835,97
    +49,70 (+0,36%)
     
  • Nikkei 225

    28.508,55
    -591,83 (-2,03%)
     
  • Petrolio

    61,93
    -0,74 (-1,18%)
     
  • BTC-EUR

    46.224,20
    -720,89 (-1,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.274,65
    +11,69 (+0,93%)
     
  • Oro

    1.793,60
    +15,20 (+0,85%)
     
  • EUR/USD

    1,2021
    -0,0020 (-0,17%)
     
  • S&P 500

    4.152,28
    +17,34 (+0,42%)
     
  • HANG SENG

    28.621,92
    -513,81 (-1,76%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.979,60
    +39,14 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8628
    -0,0006 (-0,06%)
     
  • EUR/CHF

    1,1033
    +0,0016 (+0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,5020
    -0,0150 (-0,99%)
     

Milano Serravalle, scoppia il caso del bando che fa vincere i secondi e i terzi classificati

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Un bando pensato per favorire le pmi che non ci sono e con appalti poi assegnati a chi ha perso la gara. Fa discutere la decisione della Milano Serravalle di aprire una gara per la concessione di 32 lotti relativi alla gestione dei servizi, ristorazione e carburanti, applicando per i vincitori un tetto massimo di 5 lotti oil e 5 lotti non oil. Una norma pensata per favorire l'apertura del mercato a nuove imprese, ma che nei fatti, considerate le offerte mostrate solo dai grossi operatori presenti sul mercato e cioè Chef Express/Cremonini, Sarni, Autogrill e My Chef/Elior, ha finito per tagliare lotti a chi ne aveva vinti più di 5 per assegnarli a chi si è classificato secondo o terzo, con punteggi inferiori e offerte ritenute peggiori dalla stessa società autostradale.

Una situazione che rischia di innescare ricorsi e controricorsi (uno è già pendente al Consiglio di Stato). La norma era già stata criticata dall'Antitrust per il rischio di applicazioni sbagliate e c'e chi teme la replica di un nuovo caso Aria, in un momento in cui la Regione Lombardia è sotto pressione per le vaccinazioni contro il Covid. Assegnare i lotti a chi non ha presentato l'offerta migliore porta la società a incassare meno, danneggiando la società e gli stessi azionisti della Milano-Serravalle, di fatto controllata dalla Regione. Ma non solo. A quanto si apprende, la decisione di inserire nel bando i tetti per le aggiudicazioni sarebbe stata presa senza avvisare il ministero delle Infrastrutture che avrebbe ricevuto la bozza senza questo punto. Impossibile quindi per il ministero intervenire e svolgere I dovuti controlli. Anche perchè è la stessa Antitrust ad aver sottolineato in più occasioni che la norma del tetto si applica se si apre effettivamente il mercato. Il rischio è che alla fine si finisca per spartire il mercato tra i pochi operatori già presenti con una mera divisione, senza tenere conto delle offerte messe in campo e quindi della concorrenza.