Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,55 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.761,05
    +424,38 (+1,27%)
     
  • Nasdaq

    13.047,19
    +267,27 (+2,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.546,98
    +727,65 (+2,62%)
     
  • Petrolio

    91,88
    -2,46 (-2,61%)
     
  • BTC-EUR

    23.976,40
    -344,51 (-1,42%)
     
  • CMC Crypto 200

    574,64
    +3,36 (+0,59%)
     
  • Oro

    1.818,90
    +11,70 (+0,65%)
     
  • EUR/USD

    1,0257
    -0,0068 (-0,66%)
     
  • S&P 500

    4.280,15
    +72,88 (+1,73%)
     
  • HANG SENG

    20.175,62
    +93,19 (+0,46%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.776,81
    +19,76 (+0,53%)
     
  • EUR/GBP

    0,8457
    -0,0001 (-0,02%)
     
  • EUR/CHF

    0,9656
    -0,0058 (-0,60%)
     
  • EUR/CAD

    1,3100
    -0,0071 (-0,54%)
     

Minacce di morte a Speranza, "ti spelliamo vivo": 4 a processo a Roma

(Adnkronos) - Quattro persone a processo per minacce di morte a Roberto Speranza, ministro della Salute. "Ci vediamo in obitorio", "ti spelliamo vivo", "ti ammazziamo la famiglia": queste alcune delle minacce che per mesi sono state inviate, via mail, al ministro da quattro uomini che, dopo le indagini della procura di Roma, andranno a processo.

Si tratta di persone, tra i 36 e i 56 anni, che, dall’ottobre 2020 al gennaio 2021, hanno inviato al ministro mail con minacce, in forma anonima, tramite account fittizi in relazione alle misure di contrasto all’epidemia da covid 19: “Giuro che la pagherete per il terrore che state facendo”, “la pagherete molto cara per tutte le cose che state facendo”, “dovete andare sulla sedia elettrica”, e ancora “dovrai finire in carcere per i morti che hai causato”.

Ora, al termine delle indagini dei carabinieri del Nas, coordinate dal procuratore aggiunto Michele Prestipino e dal sostituto procuratore Gianfederica Dito del pool antiterrorismo, per i quattro uomini, originari di Torino, Cagliari, Milano e Enna, e’ stata disposta la citazione diretta a giudizio con l’accusa di minacce aggravate. Il processo davanti al giudice monocratico si aprirà il prossimo 20 settembre.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli