Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,53 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.761,05
    +424,35 (+1,27%)
     
  • Nasdaq

    13.047,19
    +267,29 (+2,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.546,98
    +727,68 (+2,62%)
     
  • Petrolio

    91,88
    -2,46 (-2,61%)
     
  • BTC-EUR

    23.675,45
    -343,89 (-1,43%)
     
  • CMC Crypto 200

    574,64
    +3,36 (+0,59%)
     
  • Oro

    1.818,90
    +11,70 (+0,65%)
     
  • EUR/USD

    1,0263
    -0,0063 (-0,61%)
     
  • S&P 500

    4.280,15
    +72,88 (+1,73%)
     
  • HANG SENG

    20.175,62
    +93,22 (+0,46%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.776,81
    +19,76 (+0,53%)
     
  • EUR/GBP

    0,8456
    -0,0002 (-0,02%)
     
  • EUR/CHF

    0,9653
    -0,0062 (-0,63%)
     
  • EUR/CAD

    1,3092
    -0,0079 (-0,60%)
     

Ministro Finanze tedesco dice che prossimo pacchetto aiuti in 2023 - stampa

Il ministro delle Finanze tedesco Christian Lindner durante una conferenza stampa a Berlino

BERLINO (Reuters) - La Germania non ha i fondi per finanziare un terzo pacchetto di misure di sostegno alle famiglie in difficoltà nel 2022, ha dichiarato il ministro delle Finanze Christian Lindner in un'intervista pubblicata oggi.

"Ci sarà un ulteriore pacchetto di sgravi nel 2023", ha dichiarato Lindner al settimanale economico WirtschaftsWoche. "Ma è chiaro che quest'anno non sono disponibili ulteriori risorse di bilancio".

Il governo tedesco ha risposto all'aumento del costo della vita in seguito alla guerra in Ucraina e ai problemi della catena di approvvigionamento globale con due pacchetti di sgravi da diversi miliardi di euro quest'anno.

Le misure comprendono trasferimenti in contanti, benzina più economica e biglietti per il trasporto pubblico a prezzi ridotti per aiutare i cittadini a sostenere i costi di elettricità e riscaldamento.

In occasione di una riunione dei ministri delle Finanze del G7 a maggio, Lindner aveva dichiarato che la Germania deve trovare "un'uscita dalla modalità di crisi", nel tentativo di riportare la più grande economia europea entro il 2023 nei limiti al debito previsti dalla Costituzione.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Francesca Piscioneri)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli