Italia markets close in 4 hours 54 minutes
  • FTSE MIB

    25.687,85
    -69,98 (-0,27%)
     
  • Dow Jones

    34.393,75
    -85,85 (-0,25%)
     
  • Nasdaq

    14.174,14
    +104,72 (+0,74%)
     
  • Nikkei 225

    29.441,30
    +279,50 (+0,96%)
     
  • Petrolio

    71,37
    +0,49 (+0,69%)
     
  • BTC-EUR

    32.997,60
    +439,07 (+1,35%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.002,99
    +34,15 (+3,52%)
     
  • Oro

    1.867,10
    +1,20 (+0,06%)
     
  • EUR/USD

    1,2127
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.255,15
    +7,71 (+0,18%)
     
  • HANG SENG

    28.638,53
    -203,60 (-0,71%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.147,47
    +14,80 (+0,36%)
     
  • EUR/GBP

    0,8608
    +0,0018 (+0,21%)
     
  • EUR/CHF

    1,0896
    -0,0007 (-0,07%)
     
  • EUR/CAD

    1,4768
    +0,0051 (+0,35%)
     

Mipaaf: a Bruxelles il terzo forum europeo del riso

Roma, 8 ott. (askanews) - Si è tenuto a Bruxelles il terzo forum europeo della filiera risicola, organizzato dall'Ente Risi Italiano con la partecipazione degli attori della filiera dei paesi europei produttori di riso (Italia, Spagna, Portogallo, Francia, Bulgaria e Grecia). Lo comunica il Mippaf in una nota. Il forum, spiega il ministero, è stato l'occasione per discutere delle principali problematiche e criticità del settore risicolo europeo e per trovare delle soluzioni condivise al riguardo. In tal senso, al fine di redigere un documento comune per il futuro del settore, hanno contribuito ai lavori del Forum i rappresentanti dei Ministeri dei paesi produttori ed il Direttore Generale del Ministero delle Politiche Agricole, che ha tratto le conclusioni della giornata di lavoro. "In particolare - si legge in una nota -, è stata ribadita l'importanza della clausola di salvaguardia per le importazioni di riso indica dalla Cambogia e Myanmar, la necessità di operare a livello Ue un attento monitoraggio per l'incremento delle importazioni di riso di varietà 'japonica' dai Paesi Eba e una maggiore attenzione da parte dell'Unione nel considerare il riso come settore sensibile negli accordi di libero scambio, in particolare per le troppe concessioni rilasciate a favore dei paesi terzi". "In tale contesto - conclude il ministero -, è stata ribadita una maggiore attenzione verso il settore nell'ambito della riforma della Pac in modo particolare sulla necessità di mantenere gli aiuti accoppiati e per l'esenzione del riso da alcuni obblighi della condizionalità. Per ultimo, i partecipanti al forum, si sono impegnati a lavorare ad un'armonizzazione europea dell'etichettatura d'origine del riso, a tutelare le peculiarità della coltura del riso e la sua valenza ambientale".