Italia markets close in 3 hours 18 minutes
  • FTSE MIB

    25.516,24
    +26,02 (+0,10%)
     
  • Dow Jones

    34.792,67
    -323,73 (-0,92%)
     
  • Nasdaq

    14.780,53
    +19,24 (+0,13%)
     
  • Nikkei 225

    27.728,12
    +144,04 (+0,52%)
     
  • Petrolio

    68,00
    -0,15 (-0,22%)
     
  • BTC-EUR

    32.151,43
    -476,83 (-1,46%)
     
  • CMC Crypto 200

    945,57
    +18,80 (+2,03%)
     
  • Oro

    1.816,00
    +1,50 (+0,08%)
     
  • EUR/USD

    1,1855
    +0,0013 (+0,11%)
     
  • S&P 500

    4.402,66
    -20,49 (-0,46%)
     
  • HANG SENG

    26.204,69
    -221,86 (-0,84%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.153,61
    +8,71 (+0,21%)
     
  • EUR/GBP

    0,8507
    -0,0014 (-0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0731
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,4813
    -0,0032 (-0,22%)
     

Misteriosa spirale comparsa nei cieli del Pacifico: cos'è

·2 minuto per la lettura
Spirale Oceano Pacifico
Spirale Oceano Pacifico

Una misteriosa spirale è stata avvistata nei cieli dell’Oceano Pacifico venerdì 18 giugno intorno alle ore 18.00. Questo fenomeno, come dimostrano numerose segnalazioni da parte degli esperti, è apparso in particolare all’altezza della Nuova Caledonia e della Repubblica di Vanuatu. Nel frattempo sarebbero diverse le ipotesi che ruoterebbero attorno a questa curiosa apparizione. Molte persone ad esempio sosterrebbero che si tratti di UAP ovvero Fenomeni Aerei non identificati.

A spiegare cosa potrebbe essere successo l’Associazione Caledoniana d’Astronomia, che grazie al parere di John McDowell ha illustrato cos’ha portato ad uno sviluppo del fenomeno e se in futuro potremo assistere a episodi simili.

Spirale Oceano Pacifico, cos’è e come si manifesta

A portare alla comparsa della spirale secondo gli esperti sarebbe stato un razzo cinese e nello specifico un long March 2C: “Dopo aver discusso con Jonathan McDowell, che è uno se non il miglior specialista al mondo per quanto riguarda le manovre orbitali e i lanci, abbiamo la conferma che il fenomeno a spirale osservato il 7 maggio alle 5:30 ha lo stesso tipo di origine di quanto visto il 18 giugno intorno alle 18: infatti, in entrambi i casi, meno di mezz’ora prima, dallo stesso luogo era stato lanciato un razzo Long March 2C con gli stessi parametri (un’inclinazione dell’orbita di 34° con una direzione di lancio verso sud-est secondo Joseph Remis, altro specialista della materia). Si trattava quindi anche di un degasaggio come spiegato di seguito. È possibile che in futuro avremo di nuovo lo stesso spettacolo purché venga fatto nelle stesse condizioni di illuminazione, all’alba o al tramonto.”, spiega ACA in un post diramato su Facebook.

Spirale Oceano Pacifico, “Diversi testimoni hanno assistito allo spettacolo”

Nel frattempo ACA ha proseguito il suo racconto parlando di come siano stati diversi i testimoni ad aver assistito alla comparsa del singolare fenomeno: “Diversi testimoni a Yaté, Thio, La Tontouta e Vanuatu hanno visto questo strano fenomeno.Non abbiamo spiegazioni, ma siamo lontani dall’essere specialisti in questo genere di fenomeni. Sulla base della nostra ricerca iniziale, l’unico fenomeno simile ma ancora più drammatico è stato la spirale norvegese nel 2009″.

Spirale Oceano Pacifico, ACA: “Abbiamo trovato l’origine del fenomeno”

Infine ACA ha confemato qual è l’origine della misteriosa spirale: “Abbiamo trovato l’origine del fenomeno osservato il 18 giugno intorno alle 18:00. O meglio Jonathan McDowell, astronomo americano ha elencato tutte le manovre e i lanci orbitali del pianeta confermando che si tratta del secondo stadio del razzo Chinese Long March 2C, decollato il 18 giugno dal centro di lancio di Xichang, con 4 satelliti a bordo”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli