Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.766,09
    +280,08 (+1,14%)
     
  • Dow Jones

    34.382,13
    +360,68 (+1,06%)
     
  • Nasdaq

    13.429,98
    +304,99 (+2,32%)
     
  • Nikkei 225

    28.084,47
    +636,46 (+2,32%)
     
  • Petrolio

    65,51
    +1,69 (+2,65%)
     
  • BTC-EUR

    38.767,43
    -2.400,20 (-5,83%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,33
    +39,77 (+2,93%)
     
  • Oro

    1.844,00
    +20,00 (+1,10%)
     
  • EUR/USD

    1,2146
    +0,0062 (+0,51%)
     
  • S&P 500

    4.173,85
    +61,35 (+1,49%)
     
  • HANG SENG

    28.027,57
    +308,90 (+1,11%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.017,44
    +64,99 (+1,64%)
     
  • EUR/GBP

    0,8610
    +0,0014 (+0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0943
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,4697
    +0,0005 (+0,04%)
     

Moby-Tirrenia-Cin, Confindustria Cns: "Auspichiamo esito positivo"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

"Seguiamo con preoccupazione le vicissitudini e le notizie riportate dai media sui collegamenti marittimi che interessano l’importante gruppo armatoriale Moby-Tirrenia-Cin. Per la nostra Associazione i collegamenti marittimi e aerei da e per la Sardegna sono una delle leve cruciali per la ripresa della nostra economia e del turismo". A dichiararlo è il presidente di Confindustria Centro Nord Sardegna, Giuseppe Ruggiu. "Riteniamo - dice - che il futuro del nostro territorio e delle nostre imprese sia legato a doppio filo con la capacità del tessuto socio-economico di essere connesso con l’Italia e l’Europa in maniera stabile ed efficiente".

"In questo contesto – dichiara Ruggiu –, perdere tutte le possibilità di poter contare sui collegamenti offerti alle nostre aziende manifatturiere, dei trasporti e turistiche è un rischio che non possiamo correre. È indispensabile evitare non solo di mettere in pericolo la competitività del nostro territorio ma anche di tagliare le gambe alle nostre imprese e al turismo sul quale si fonda la speranza di una pronta ripresa dopo la crisi dettata dalla pandemia".

"Confindustria Centro Nord Sardegna nelle more dei tempi e delle modalità che il Tribunale e le istituzioni riterranno più opportune, auspica che la situazione possa trovare esito positivo e il giusto spazio, nel rispetto dei principi della concorrenza, per un rilancio della società e con essa della salvaguardia dei traffici, dei posti di lavoro e dei servizi così rilevanti per la Sardegna», conclude Ruggiu.