Italia markets close in 6 hours 15 minutes
  • FTSE MIB

    21.861,49
    -239,74 (-1,08%)
     
  • Dow Jones

    30.946,99
    -491,31 (-1,56%)
     
  • Nasdaq

    11.181,54
    -343,06 (-2,98%)
     
  • Nikkei 225

    26.804,60
    -244,87 (-0,91%)
     
  • Petrolio

    111,65
    -0,11 (-0,10%)
     
  • BTC-EUR

    19.063,86
    -1.187,55 (-5,86%)
     
  • CMC Crypto 200

    434,66
    -15,40 (-3,42%)
     
  • Oro

    1.817,90
    -3,30 (-0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,0523
    -0,0002 (-0,02%)
     
  • S&P 500

    3.821,55
    -78,56 (-2,01%)
     
  • HANG SENG

    21.996,89
    -422,08 (-1,88%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.518,38
    -30,91 (-0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8635
    +0,0009 (+0,10%)
     
  • EUR/CHF

    1,0023
    -0,0093 (-0,92%)
     
  • EUR/CAD

    1,3545
    -0,0078 (-0,57%)
     

Moda, Confindustria: primo trimestre 2022 cresce oltre le attese (+19,3%)

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 26 mag. (askanews) - Primo trimestre 2022 oltre le aspettative per il settore della moda, che si chiude con una crescita media del fatturato del 19,3% contro le precedenti previsioni di febbraio di un +14%. Anche l'andamento degli ordini ha registrato un trend molto positivo, mostrando un aumento del 15% rispetto allo stesso periodo del 2021. Lo evidenziano i dati di Confindustria Moda, la federazione italiana che riunisce le associazioni dei settori tessile, moda e accessorio.

Per quanto riguarda il secondo trimestre, l'incremento medio delle vendite è atteso nell'ordine del 12,9%, che, sebbene sia una previsione positiva, vede un rallentamento anche a causa delle incertezze sullo scenario internazionale su cui pesano principalmente le tensioni del conflitto russo-ucraino. Con queste previsioni, il primo semestre dovrebbe archiviarsi con una crescita del fatturato del 16%.

Emerge tuttavia una forte preoccupazione legata al futuro del comparto, con un 43% che prevede un peggioramento dello scenario. A pesare sono le preoccupazioni legate al conflitto russo-ucraino, che sono solo in parte legate all'esportazione. E' pari, infatti, al 43% del campione la quota di aziende esportatrici su questi mercati: il 61% delle imprese dichiara che la quota di export nei mercati russo, bielorusso e ucraino è inferiore al 5% del totale vendite aziendali. Solo il 3% è esposto per oltre il 50% dell'export complessivo.

Gli impatti più pesanti sono, invece, legati all'aumento dei costi di materie prime ed energia che colpisce trasversalmente tutti i settori del tessile, moda e accessorio. Sul fronte dei rincari dell'energia, l'80% dichiara che l'impatto sarà forte, il 18% prevede un impatto lieve, mentre solo per il 2% degli imprenditori questo sarà trascurabile. Sul fronte delle materie prime, 9 imprese su 10 denunciano aumenti sostanziali.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli