Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    14.305,80
    +264,21 (+1,88%)
     
  • CMC Crypto 200

    333,27
    -4,23 (-1,25%)
     
  • Oro

    1.781,90
    -23,60 (-1,31%)
     
  • EUR/USD

    1,1970
    +0,0057 (+0,48%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8984
    +0,0068 (+0,77%)
     
  • EUR/CHF

    1,0811
    +0,0014 (+0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,5539
    +0,0038 (+0,24%)
     

Moda Italia, fatturato 2020 visto in calo 30%, al netto di nuovi lockdown

·2 minuto per la lettura
Un modello indossa una creazione della collezione donna e uomo Salvatore Ferragamo
Un modello indossa una creazione della collezione donna e uomo Salvatore Ferragamo

MILANO (Reuters) - Il settore italiano della moda, del tessile e dell'accessorio potrebbe chiudere l'anno con un calo del fatturato del 29,7%, pari a una perdita totale di circa 29 miliardi di euro, dopo aver archiviato un terzo trimestre ancora fortemente impattato dalla crisi innescata dal Covid-19.

Sono le stime di Confindustria Moda che nella sua terza indagine relativa all'impatto del coronavirus sulle imprese del settore mostra una contrazione media del fatturato nel trimestre estivo del 27,5%: meglio del -36,2% e del -39% registrati nel primo e secondo trimestre ma molto lontano dal rimbalzo visto dall'economia italiana nel suo complesso (+16,1% il Pil nazionale).

"È sempre più grave la crisi del settore del Tessile, Moda e Accessorio, oramai impotente di fronte a questa seconda ondata pandemica. Le aziende che compongono le nostre filiere sono generalmente piccole e medie imprese ed è quindi naturale che vengano più colpite rispetto alla media", commenta il presidente di Confindustria Moda Cirillo Marcolin. Una debolezza, spiega, dovuta alla diminuzione del mercato domestico e alle grandi difficoltà nell'export, vero polmone del Made in Italy.

La raccolta ordini nel trimestre è scesa del 24,7%.

Le stime, frutto di un sondaggio chiuso alcune settimane fa tra le aziende che aderiscono a Confindustria Moda, non tengono conto, tra l'altro, dell'ultimo ulteriore peggioramento dell'epidemia e delle nuove misure restrittive in arrivo o messe in campo dai vari Paesi europei.

Quasi la metà (il 44%) delle aziende del panel prevede per fine anno perdite di fatturato superiori al 35%.

Nel terzo trimestre il 74% delle aziende ha fatto ricorso agli ammortizzatori sociali rispetto al 90% emerso nelle rilevazioni precedenti. Resta concreto il timore di un forte impatto sull'occupazione una volta che saranno sbloccati i licenziamenti, congelati dal governo fino al prossimo marzo, ha ammesso il presidente Marcolin.

(Claudia Cristoferi, in redazione a Milano Sabina Suzzi)