Italia Markets open in 1 hr 57 mins

Mollo tutto e cambio vita. L’agenzia che assiste chi vuole lasciare l’Italia

L'Algarve, la parte meridionale del Portogallo, è la meta preferita da chi vuole trasferirsi all'estero (Getty)

di Fabrizio Arnhold

Non importa che tu sia un pensionato o un giovane, se hai famiglia o se single. L’importante è avere la voglia di cambiare vita e trasferirti all’estero. Insomma, fare le valigie e lasciare l’Italia. Già, ma dove andare e, soprattutto, come? E qui entra in gioco Reframed, la società italiana che realizza il tuo sogno.

Cambiare vita

I motivi possono essere molteplici. Per un pensionato, ad esempio, trasferirsi all’estero ha i suoi vantaggi fiscali, incassando infatti l’assegno lordo, senza tasse, per i primi 10 anni in Portogallo. Stessa voglia di preparare la valigia anche per chi, semplicemente, la pensione forse non la prenderà mai, ma ha desiderio di voltare pagina e trovare un nuovo lavoro altrove. Ogni Paese, però, ha le sue regole e la sua burocrazia e per questo è importante farsi aiutare da chi conosce come funzionano le cose sul posto.

La società italiana

Reframed, sede a Cittadella, in provincia di Padova, ha l’obiettivo di offrire ai propri clienti una nuova prospettiva di vita. Dal Portogallo alle Isole Azzorre, dalla Croazia fino alla Repubblica Domenicana, la società, 6 persone impiegate in Italia e una trentina di collaboratori all’estero, è una sorta di agenzia di viaggi “a lungo termine” che vanta una rete capillare di residenti in ogni parte del mondo, personale altamente qualificato sotto il punto di vista fiscale e sul posto per assistere il cliente in ogni fase del trasferimento all’estero.

Come funziona

L’agenzia offre un pacchetto “senza pensieri”, ossia una soluzione che sia in grado di far fronte a tutte le necessità legali, burocratiche e logistiche di chi lascia l’Italia. “Noi ascoltiamo le esigenze delle persone e cerchiamo di realizzare i loro sogni”, spiega a Yahoo Finanza Valentino Coletto, fondatore e responsabile di Reframed. Tra i clienti non solo pensionati. “Tra chi decide di cambiare vita e trasferirsi all’estero ci sono anziani ma anche coppie o lavoratori single. La nostra missione è ascoltare le esigenze e fornire una soluzione adatta ad ogni profilo”.

Malta è la destinazione per chi cerca lavoro in una startup fintech, a patto che sappia perfettamente l'inglese (Getty)

Le mete più gettonate

Al primo posto tra le mete preferite di chi dice addio al Belpaese c’è il Portogallo. “In questo caso ci sono vantaggi fiscali per i pensionati e una flat tax al 20 per cento per le professioni ad alto valore aggiunto”, continua Coletto. “Al secondo posto metterei la Tunisia, dove i pensionati pubblici possono godere di trattamenti fiscali vantaggiosi e, per chiudere, c’è la Bulgaria”. In base al profilo del cliente, Reframed propone la meta perfetta. Dove cercare casa se sei un dirigente bancario? “A Malta ci sono possibilità lavorative in startup fintech e nel settore bancario, ma bisogna conoscere perfettamente l’inglese”, precisa Coletto. Quanto costa lasciare definitivamente l’Italia? “Fino a 1.600 euro per l’Algarve, in Portogallo, circa mille euro per chi vuole andare nelle Azzorre”, conclude il fondatore. Il costo del pacchetto comprende l’assistenza fiscale e legale in loco. E se poi ci assale la mancanza dell’Italia? Meglio provare un viaggio di pre-trasferimento, prima di decidere. Perché quando si parte si sa quello che si lascia, ma non quello che si trova.

Leggi anche:

Fintech, cresce la società italiana che fa trovare nuovi clienti alle banche

Value China è la startup che aiuta le imprese italiane a vendere in Cina

Shopping, gli utenti cercano online ma comprano in negozio