Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.124,91
    +319,70 (+1,29%)
     
  • Dow Jones

    35.061,55
    +238,20 (+0,68%)
     
  • Nasdaq

    14.836,99
    +152,39 (+1,04%)
     
  • Nikkei 225

    27.548,00
    +159,80 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    72,17
    +0,26 (+0,36%)
     
  • BTC-EUR

    29.303,95
    +370,87 (+1,28%)
     
  • CMC Crypto 200

    786,33
    -7,40 (-0,93%)
     
  • Oro

    1.802,10
    -3,30 (-0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,1770
    -0,0003 (-0,02%)
     
  • S&P 500

    4.411,79
    +44,31 (+1,01%)
     
  • HANG SENG

    27.321,98
    -401,86 (-1,45%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.109,10
    +50,05 (+1,23%)
     
  • EUR/GBP

    0,8560
    +0,0013 (+0,15%)
     
  • EUR/CHF

    1,0819
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,4784
    +0,0003 (+0,02%)
     

Mondiali 2030, partnership in vista tra Arabia Saudita e Italia?

·2 minuto per la lettura

Mentre fervono i preparativi per il Mondiale 2022 in Qatar si pensa già al 2030 e al prossimo Paese ospitante che potrebbe arrivare dalla stessa zona. Sì, perchè non è un mistero che l'Arabia Saudita si sia affidata ad alcune società di consulenza per presentare alla Fifa il dossier per candidarsi in vista dell'edizione in programma tra 9 anni. Quasi un derby quello tra Doha e Riyad, con la Capitale saudita che vedrà in salita la strada verso l'assegnazione del Mondiale a causa del caldo e dell'impossibilità di disputare la manifestazione in estate in pieno deserto.

Il presidente Figc Gabriele Gravina | Paolo Bruno/Getty Images
Il presidente Figc Gabriele Gravina | Paolo Bruno/Getty Images

E il fatto che si sia ovviato al problema per il Qatar decidendo di far disputare il Mondiale in inverno rende molto difficile che si possa replicare anche per l'Arabia Saudita. Ed è qui che potrebbe arrivare in "soccorso" l'Italia. I due Paesi, si è già visto con la finale di Supercoppa Italiana tra Juve e Lazio disputata a Riyad, potrebbero cooperare con una fantasiosa formula: giocare la fase a gironi in inverno e in Arabia Saudita, con quella ad eliminazione diretta da disputare in estate in Italia o in un altro Paese europeo. In più il presidente FIGC Gabriele Gravina spinge per riportare il Belpaese ad ospitare nuovamente una grande manifestazione sportiva.

Ma il discorso Mondiali - spiega calcioefinanza.it - non è tutto rose e fiori perchè, quasi sicuramente, si ripresenterebbero le polemiche per le precarie (eufemismo) condizioni dei lavoratori, per cui le proteste già fervono a causa di quanto sta accadendo in Qatar. A questo si aggiunge un'altra perplessità: il cosiddetto sport-washing operato dalla maggior parte delle monarchie del Golfo che, attraverso i grandi avvenimenti sportivi, puntano a ripulire la loro controversa immagine.

Segui 90min su Instagram.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli