Italia markets close in 4 hours 38 minutes
  • FTSE MIB

    24.444,70
    +3,82 (+0,02%)
     
  • Dow Jones

    33.849,46
    -497,57 (-1,45%)
     
  • Nasdaq

    11.049,50
    -176,86 (-1,58%)
     
  • Nikkei 225

    28.027,84
    -134,99 (-0,48%)
     
  • Petrolio

    79,15
    +1,91 (+2,47%)
     
  • BTC-EUR

    15.898,94
    +162,83 (+1,03%)
     
  • CMC Crypto 200

    389,81
    +9,52 (+2,50%)
     
  • Oro

    1.769,00
    +13,70 (+0,78%)
     
  • EUR/USD

    1,0378
    +0,0033 (+0,32%)
     
  • S&P 500

    3.963,94
    -62,18 (-1,54%)
     
  • HANG SENG

    18.204,68
    +906,74 (+5,24%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.946,30
    +10,79 (+0,27%)
     
  • EUR/GBP

    0,8630
    -0,0014 (-0,16%)
     
  • EUR/CHF

    0,9853
    +0,0040 (+0,40%)
     
  • EUR/CAD

    1,3945
    -0,0004 (-0,03%)
     

Monini: piantati già 650mila olivi per bosco da 1 mln di alberi entro 2030

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 24 nov. (askanews) - Un milione di nuovi olivi nel cuore dell'Italia entro il 2030, di cui oltre 650 mila già piantumati tra Umbria e Toscana e coltivati al 100% in regime biologico. In occasione della Giornata mondiale dell'olivo, istituita il 26 novembre di ogni anno dall'Unesco, Monini presenta i primi risultati del progetto Bosco Monini, avviato due anni fa e cuore della transizione sostenibile dell'azienda umbra raccontata nel piano 2030 A hand for the future.

Il nuovo polmone verde, realizzato prevalentemente su terreni abbandonati e riqualificati, ha infatti un forte impatto ambientale: le nuove piante proteggono la salute del terreno e lo preservano da rischi di erosione, tutelano la ricchezza dell'olivicoltura italiana e delle sue cultivar e instaurano un sistema virtuoso di salvaguardia della biodiversità. Concretamente misurabile il beneficio climatico: gli alberi consentiranno infatti di sequestrare fino a 50 mila tonnellate di anidride carbonica in 10 anni. Un dato che si somma al progetto "100% carbon neutral", dedicato ai due besteller Monini Classico e Monini Delicato.

L'ambiente è tuttavia solo la faccia più visibile della medaglia di Bosco Monini, perché l'olivo non è solo una pianta "sacra" e amica del pianeta, è anche olivicoltura, ossia produzione, ricchezza, dieta mediterranea. Elementi che l'Italia, da sempre culla dell'eccellenza nella produzione di olio extravergine, ha bisogno di rafforzare. Nel nostro Paese, al di là delle variabilità annuali, mai come quest'anno negative, si producono in media circa 300 mila tonnellate di olio di oliva, quando il fabbisogno si aggira tra le 850 e le 900 mila tonnellate. Ciò significa che c'è un importante grande gap produttivo che le aziende sono costrette a colmare acquistando olio dall'estero.

"Con questo progetto - spiega Zefferino Monini, presidente e ad dell'azienda - vogliamo contribuire a promuovere un'olivicoltura di qualità che sia italiana fin dall'origine e che sia sostenibile sotto il profilo ambientale, sociale ed economico. L'olivo rappresenta per la nostra famiglia la vita da oltre tre generazioni e con questo progetto vogliamo difendere il nostro futuro e quello di chi verrà dopo di noi".