Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.347,23
    +427,39 (+1,26%)
     
  • Nasdaq

    14.910,07
    +163,68 (+1,11%)
     
  • Nikkei 225

    29.639,40
    -200,31 (-0,67%)
     
  • EUR/USD

    1,1730
    0,0000 (-0,00%)
     
  • BTC-EUR

    37.282,31
    +1.003,56 (+2,77%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.096,62
    +56,14 (+5,40%)
     
  • HANG SENG

    24.221,54
    +122,40 (+0,51%)
     
  • S&P 500

    4.404,60
    +50,41 (+1,16%)
     

Monito di Pechino agli Usa: "Convivenza pacifica o sarà catastrofe"

·2 minuto per la lettura

AGI - La Cina sollecita gli Stati Uniti a cercare un modo di convivenza pacifica tra le due grandi economie mondiali per evitare il rischio di una "catastrofe". Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri di Pechino, Wang Yi, nel suo incontro con la vice segretario di Stato Usa, Wendy Sherman, nelle scorse ore in visita a Tianjin. "Naturalmente", ha aggiunto Wang, citato in una nota del Ministero degli Esteri cinese, "sarebbe meglio se ci fosse vantaggio reciproco e una situazione vantaggiosa per tutti. Questa è una buona cosa sia per la Cina che gli Stati Uniti, e un grande esempio per il mondo, altrimenti sarà una catastrofe".

La Cina auspica che gli Stati Uniti abbiano una comprensione "obiettiva e corretta" della Cina, ha concluso Wang, "rinuncino ad arroganza e pregiudizi, smettano di fare gli insegnanti e tornino a una politica verso la Cina razionale e pragmatica".

La Cina chiede anche agli Stati Uniti di mantenere le promesse sulla questione di Taiwan e rinnova l'invito ad agire con cautela nelle questioni relative allo Stretto che divide l'isola dalla Repubblica Popolare Cinese. "Sebbene le due sponde dello Stretto non siano state ancora riunificate", ha dichiarato Wang citato in una nota del Ministero degli Esteri cinese, "il fatto fondamentale è che la Cina continentale e Taiwan appartengono a un'unica Cina e il fatto che Taiwan faccia parte del territorio cinese non è cambiato e non cambierà".

Pechino rivendica la sovranità sull'isola che si auto-governa e reagisce duramente a ogni scambio tra Taipei e Washington, che ha interrotto le relazioni con Taiwan nel 1979, quando ha riconosciuto diplomaticamente la Cina, pur continuando a mantenere legami non ufficiali con l'isola e a fornirle armamenti. Qualora si aizzasse la questione della "indipendenza di Taiwan", che Pechino avversa, ha proseguito il titolare degli Esteri cinese, "la Cina ha il diritto di prendere tutte le misure necessarie per fermarla. Consigliamo agli Stati Uniti", ha concluso Wang, "di mantenere le promesse sulla questione di Taiwan e di agire con cautela".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli