Italia Markets open in 4 hrs 34 mins

Monopattino elettrico mania, a New York e Parigi ha sostituito la bici. Milano si prepara

I monopattini elettrici della startup americana Helbiz a Milano (foto FB)

di Fabrizio Arnhold

Sono più pratici delle biciclette e inquinano meno delle auto. I monopattini elettrici stanno conquistando il centro delle metropoli di mezzo mondo, modificando di fatto la mobilità sharing. Niente di nuovo perché il monopattino – un asse con ruote attaccate e un manubrio – ha la stessa forma dagli inizi del ‘900. Ma adesso fila più veloce, grazie al motore elettrico.

Da New York a Parigi

Non solo solo i ragazzi a salire a bordo per sfrecciare sui marciapiedi, strade strette e piste ciclabili. Sui monopattini elettrici, a Parigi, ci vedi uomini d’affari vestiti di tutto punto che per non fare tardi all’appuntamento, preferiscono questo nuovo mezzo di trasporto cittadino rispetto al bike-sharing o al car-sharing. La moda è nata a New York, dove i mezzi eco-friendly scorrazzano già dallo scorso anno. Il costo? Un euro più 15 centesimi al minuto.

In Europa

Dall’America all’Europa. E’ un classico. Oltre che Parigi, i monopattini elettrici sono comparsi anche a Berlino, Brema, Francoforte e Zurigo. Le gestione viaggia su un’app, Helbiz, per smartphone che sblocca l’uso del mezzo inquadrando il codice QR. E la nuova mobilità green adesso sbarca anche in Italia. A Torino già quest’estate il Comune ha lanciato una sperimentazione del mezzo.

A Milano

Proprio qualche giorno fa ne sono arrivati 20 anche sotto la Madonnina. A Milano, tra San Babila e il Castello si vedono i monopattini della startup statunitense di sharing Helbiz. Il problema, in Italia, è sempre la maledetta burocrazia. Non esiste ancora un regolamento per la circolazione dei monopattini elettrici che dovrebbero rientrare nella categoria dei microciclomotori elettrici, ma la disputa burocratica è aperta. E intanto il resto del mondo ci sfreccia di fianco.

Leggi anche:

Scoperta in Cina una delle caverne più grandi al mondo

Tutta la plastica che mangiamo senza saperlo

Il ponte più lungo del mondo? Da Hong Kong a Macao