Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.547,04
    -588,90 (-1,68%)
     
  • Nasdaq

    15.518,56
    -264,27 (-1,67%)
     
  • Nikkei 225

    27.821,76
    -462,16 (-1,63%)
     
  • EUR/USD

    1,1301
    +0,0008 (+0,07%)
     
  • BTC-EUR

    50.582,33
    -1.672,39 (-3,20%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.455,77
    +12,99 (+0,90%)
     
  • HANG SENG

    23.475,26
    -376,98 (-1,58%)
     
  • S&P 500

    4.581,87
    -73,40 (-1,58%)
     

Monterotondo, picchiò a sangue 21enne: individuato aggressore

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 21 ott. (askanews) - Picchiò a sangue un ragazzo di 21 anni, fino a ridurlo in fin di vita: i carabinieri della compagnia di Monterotondo, a parziale conclusione di una serrata indagine condotta sotto la direzione della Procura della Repubblica di Tivoli, hanno individuato il presunto autore dell'aggressione, avvenuta a Monterotondo, in pieno centro storico, la sera del 12 ottobre scorso.

Quella sera un giovane del posto, 21 anni, fu trovato da alcuni passanti per terra, vicino al teatro Ramarini, con il volto tumefatto e quasi privo di sensi. Il 118 lo trasportò con l'elisoccorso all'Ospedale Gemelli di Roma, prognosi riservata. I carabinieri della Stazione di Monterotondo (allertati dallo stesso 118), con il supporto dei colleghi del nucleo operativo e radiomobile, hanno iniziato quella stessa sera a raccogliere ogni elemento utile a ricostruire l'accaduto, ma - sottolineano gli investigatori - "con un'indagine in salita, mancando, nell'immediatezza dei fatti, eventuali testimoni dell'accaduto disponibili a collaborare".

I carabinieri sono comunque riusciti ad arrivare all'individuazione del presunto violento aggressore, un altro giovane del posto, quattro anni più grande della vittima, denunciato alla Procura di Tivoli. Le indagini continuano: la Procura di Tivoli ha chiesto ai carabinieri di Monterotondo di ricostruire l'intera dinamica dell'accaduto e verificare le ragioni del violento episodio. La vittima è ancora ricoverata in ospedale, ma le sue condizioni migliorano quotidianamente.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli