Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.627,83
    +137,14 (+0,39%)
     
  • Nasdaq

    15.411,06
    +175,22 (+1,15%)
     
  • Nikkei 225

    28.820,09
    -278,15 (-0,96%)
     
  • EUR/USD

    1,1690
    +0,0084 (+0,72%)
     
  • BTC-EUR

    52.446,04
    +1.718,94 (+3,39%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.479,09
    +59,71 (+4,21%)
     
  • HANG SENG

    25.555,73
    -73,01 (-0,28%)
     
  • S&P 500

    4.585,07
    +33,39 (+0,73%)
     

Moody’s: crescita Usa spinge Pil Ue il quadruplo di crescita Cina

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 21 set. (askanews) - La crescita economica degli stati Uniti ha un effetto traino quattro volte superiore su quella europea rispetto alla crescita della Cina. Lo afferma Moody's, sulla base di uno studio che ha analizzato le ricadute della crescita delle due potenze (rivali) globali su un campione di sei economie europee: Francia, Germania, Italia, Olanda, Regno Unito e Spagna.

Ebbene, senza tanti giri retorici le cifre parlano da sé: "Un aumento permanente dell'1% del Pil Usa porterà 0,8% di crescita addizionale in Europa - stima l'agenzia di rating - mentre un aumento del Pil della Cina dell'1% spingerà il Pil europeo solo dello 0,2%".

E questo "perché - spiega con una nota Jorge R. Valez, uno dei vari vicepresidenti di Moody's e autore dello studio - gli Usa sono il principale partner commerciale dell'Ue, e anche per l'elevato livello di sincronismo su condizioni finanziarie e ciclo dell'attività tra Usa e Ue".

Le ricadute positive della crescita Usa in Europa riguardano sostegno all'affidabilità creditizia dei gruppi esportatori, dice ancora l'agenzia, il sostegno alla domanda di beni e servizi, ma anche supporto alla crescita delle entrate fiscali degli Stati, alleviando al tempo stesso il fabbisogno di spesa su sussidi e aiuti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli