Italia markets close in 2 hours 27 minutes
  • FTSE MIB

    24.514,38
    -171,29 (-0,69%)
     
  • Dow Jones

    34.395,01
    -194,76 (-0,56%)
     
  • Nasdaq

    11.482,45
    +14,45 (+0,13%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    81,04
    -0,18 (-0,22%)
     
  • BTC-EUR

    16.157,69
    -294,30 (-1,79%)
     
  • CMC Crypto 200

    401,16
    -4,99 (-1,23%)
     
  • Oro

    1.797,10
    -18,10 (-1,00%)
     
  • EUR/USD

    1,0459
    -0,0069 (-0,66%)
     
  • S&P 500

    4.076,57
    -3,54 (-0,09%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.951,95
    -32,55 (-0,82%)
     
  • EUR/GBP

    0,8588
    +0,0003 (+0,04%)
     
  • EUR/CHF

    0,9853
    -0,0008 (-0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,4094
    -0,0031 (-0,22%)
     

Moody's: "Italia rischia taglio rating senza riforme e Pnrr"

(Adnkronos) - "Probabilmente declasseremmo i rating dell'Italia se dovessimo anticipare un significativo indebolimento delle prospettive di crescita di medio termine del Paese, probabilmente a causa della mancata attuazione delle riforme a favore della crescita, comprese quelle delineate nel Pnrr del Paese". Lo afferma Moody's nella Credit Opinion aggiornata sul debito sovrano italiano. Attualmente il rating dell'agenzia nei confronti dell'Italia è Bba3 con outlook negativo.

Per Moody's, sarebbero negativi per il rating "segnali di una probabile crescita del debito in modo significativo, sia a causa di un aumento dei costi degli interessi o di allentamento fiscale materiale. Politiche fiscali e/o economiche che indeboliscono il sentiment del mercato e l'aumento dei livelli di indebitamento nel medio termine porterebbe anche a pressioni al ribasso dei rating".

"La coalizione di destra che ha vinto le recenti elezioni dovrebbe tentare di rinegoziare alcuni aspetti del Pnrr. Ciò, probabilmente, ritarderà la sua attuazione, esercitando una pressione al ribasso sulla spesa per investimenti in un momento in cui l'inflazione elevata e i rischi per l'approvvigionamento energetico stanno già pesando sull'attività economic", prosegue Moody's.