Italia markets open in 5 hours 8 minutes
  • Dow Jones

    34.269,16
    -473,66 (-1,36%)
     
  • Nasdaq

    13.389,43
    -12,43 (-0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.492,62
    -115,97 (-0,41%)
     
  • EUR/USD

    1,2145
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • BTC-EUR

    47.019,58
    +836,73 (+1,81%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.536,45
    +1.293,77 (+533,12%)
     
  • HANG SENG

    28.024,08
    +10,27 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.152,10
    -36,33 (-0,87%)
     

Moratoria mutui e finanziamenti, l'1 luglio scade sospensione rate. A rischio milioni di famiglie e imprese

Valeria Panigada
·1 minuto per la lettura

Le moratorie su mutui, prestiti e finanziamenti da 300 miliardi di euro avviate per sostenere famiglie e imprese danneggiate dalla crisi economica prodotta dal Covid, scadranno il prossimo 30 giugno e rischiano di non essere più prorogate, a causa delle regole imposte dall’Eba, l’Autorità bancaria europea. Lo denuncia oggi Assoutenti, che sottolinea come una simile misura porterebbe al default milioni di famiglie e imprese, trascinando con se le banche minori e provocando effetti disastrosi sull’economia italiana. “La scadenza delle moratorie bancarie è stata fissata per il 30 giugno, e una scure rischia di abbattersi su famiglie e imprenditori – spiega il presidente dell'associazione, Furio Truzzi – Sulla proroga delle agevolazioni incombono infatti le nuove disposizioni dell’Eba entrate in vigore lo scorso gennaio, che prevedono l’obbligo per le banche di accantonare tra il 7 e il 10% del valore del finanziamento e del mutuo concesso per garantire la copertura dei crediti deteriorati, e nuove classificazione di default per i debitori”. “Se la normativa Abi non verrà sospesa, dal prossimo 1 luglio e banche si troveranno ad affrontare seri problemi di bilancio e 1,3 milioni di aziende e 1,4 milioni di famiglie che avevano aderito alle moratorie saranno chiamate a onorare i propri debiti indipendentemente dalle decisioni del Governo, pur versando ancora in condizioni di grave difficoltà economica – prosegue Truzzi – 2,7 milioni di soggetti che potrebbero quindi finire in “default” e trascinare nel baratro le piccole e medie banche con effetti devastanti per l’economia nazionale e 600mila posti di lavoro a rischio”. Oggi, nonostante le misure di sostegno varate dal Governo, il 40% delle famiglie italiane ha difficoltà col pagamento degli affitti e il 30% con rate e prestiti, sottolinea Assoutenti.