Italia markets open in 6 hours 49 minutes
  • Dow Jones

    34.156,69
    +265,67 (+0,78%)
     
  • Nasdaq

    12.113,79
    +226,34 (+1,90%)
     
  • Nikkei 225

    27.479,59
    -205,88 (-0,74%)
     
  • EUR/USD

    1,0733
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • BTC-EUR

    21.732,55
    +311,63 (+1,45%)
     
  • CMC Crypto 200

    538,68
    +12,72 (+2,42%)
     
  • HANG SENG

    21.298,70
    +76,54 (+0,36%)
     
  • S&P 500

    4.164,00
    +52,92 (+1,29%)
     

Morgan Stanley, sanzioni a dipendenti fino a 1 million $ per uso messaggistica - FT

Il logo di Morgan Stanley è raffigurato su un edificio a San Diego

(Reuters) - Morgan Stanley ha inflitto sanzioni pecuniarie ai dipendenti che utilizzano piattaforme di messaggistica, come WhatsApp e altre, per comunicazioni ufficiali.

Lo scrive il Financial Times.

Le sanzioni variano da poche migliaia di dollari a oltre un milione di dollari per dipendente e sono state determinate in base a diversi fattori, quali il numero di messaggi inviati, l'anzianità di servizio e il fatto che i dipendenti avessero già ricevuto degli avvertimenti, ha riferito il quotidiano citando persone informate sulla questione.

Morgan Stanley non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento di Reuters al di fuori dell'orario di lavoro.

La mossa arriva dopo che la banca aveva accettato di pagare 200 milioni di dollari alla Securities and Exchange Commission statunitense nel 2021 per la risoluzione delle indagini sulle comunicazioni dei dipendenti su piattaforme di messaggistica non approvate dall'azienda.

La Sec e l'organo di autoregolamentazione di Wall Street - la Financial Industry Regulatory Authority - richiedono ai broker-dealer di tenere un registro di tutte le comunicazioni relative al business e la Sec sta investigando per stabilire se gli istituti di credito abbiano tenuto traccia delle comunicazioni digitali dei dipendenti.

Nel 2020, Morgan Stanley aveva licenziato due dirigenti a causa dell'uso non autorizzato di WhatsApp per la discussione di questioni di lavoro.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Sabina Suzzi)