Italia markets open in 7 hours 10 minutes
  • Dow Jones

    35.116,40
    +278,24 (+0,80%)
     
  • Nasdaq

    14.761,29
    +80,23 (+0,55%)
     
  • Nikkei 225

    27.641,83
    -139,19 (-0,50%)
     
  • EUR/USD

    1,1874
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • BTC-EUR

    32.278,78
    -1.058,62 (-3,18%)
     
  • CMC Crypto 200

    928,35
    -15,09 (-1,60%)
     
  • HANG SENG

    26.194,82
    -40,98 (-0,16%)
     
  • S&P 500

    4.423,15
    +35,99 (+0,82%)
     

Moro, lo storico Clementi: "Persichetti uno tra i migliori studiosi del caso'

·2 minuto per la lettura

Paolo Persichetti "è uno dei migliori, se non il migliore, studioso del caso Moro". E "poco mi importa che sia un docente mancato in Francia a causa della sua estradizione e che abbia passato anni in carcere": "resta tra i migliori ricercatori che abbia mai incontrato in quella che, purtroppo, può oramai definirsi una lunga carriera". A difendere strenuamente il lavoro di ricerca dell'ex Br Paolo Perischetti, indagato a Roma per associazione sovversiva con finalità di terrorismo e favoreggiamento in relazione alla divulgazione di materiale riservato dalla Commissione parlamentare d’inchiesta sul sequestro e l’omicidio di Aldo Moro è Marco Clementi, ricercatore di Storia Moderna all'Unical e autore proprio con Persichetti ed Elisa Santalena di "Brigate rosse. Dalle fabbriche alla 'campagna di primavera'" (DeriveApprodi).

Proprio in relazione a quel libro Clementi ricorda come Persichetti avesse "fatto un lavoro egregio in Archivio di Stato, a Roma, quartiere Eur, dove era stata depositata una mole enorme di documentazione proveniente dalla PS, dai carabinieri, dai servizi (direttive Prodi e Renzi), passando intere settimane a leggere, ordinare e creare un suo inventario di carte che era il primo studioso in Italia a vedere".

Persichetti, dice Clementi in un articolo pubblicato sul blog Insorgenze.net, è "un cercatore di risposte a domande storicamente fondate e sarebbe in grado di tenere un ottimo corso sugli anni Sessanta e Settanta in qualunque università del mondo". "Qualcuno ha parlato, per la perquisizione della sua casa avvenuta l’8 giugno 2021, di attacco alla ricerca storica", ma, sottolinea Clementi, la questione "riguarda le ricerche proprio del dott. Persichetti" e "non quelle di chiunque altro". "Nelle sue carte e nei computer gli inquirenti troveranno risposte storiografiche solide, ben strutturate, chiare". Secondo lo storico è dunque "arrivato il momento che il dott. Persichetti sia riconosciuto non come un ex, ma per quello che è: un ottimo storico, il migliore sul caso Moro e la storia delle Br. Per distacco".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli