Italia Markets closed

Morte di Willy Monteiro, spunta una storia Instagram con i presunti aggressori

·2 minuti per la lettura
omicidio-colleferro
omicidio-colleferro

Due video, due brevi storie Instagram che però possono dire molto sugli attimi precedenti l’omicidio di Colleferro nel quale ha trovato la morte il 21enne Willy Monteiro Duarte. I due filmati provengono infatti dal profilo Instagram di Gabriele Bianchi, uno dei quattro presunti aggressori assieme al fratello Marco, a Mario Pincarelli e a Francesco Belleggia, e sono stati inviati in esclusiva alla redazione del programma Le Iene da una persona che li ha visti e scaricati poche ore dopo i tragici fatti dello scorso 6 settembre.

Omicidio di Colleferro, spuntano due video

Secondo le informazioni riportate da Le Iene, i filmati sarebbero stati pubblicati intorno alla mezzanotte, vale a dire circa tre ore prima che avvenisse il brutale pestaggio nel quale ha perso la vita Willy Monteiro.

Nel primo video si vedono i fratelli Bianchi a bordo di un’automobile che parlano con una persona dopo essersi fermati davanti a quello che sembrerebbe essere un bar. In questo filmato è inoltre taggato Vittorio Tondinelli, attualmente indagato per favoreggiamento poiché sarebbe stato presente durante il pestaggio del giovane Willy, anche se non ne avrebbe preso parte.

Nella seconda storia Instagram si vedono invece i fratelli Bianchi sempre all’interno di una vettura ma questa volta in compagnia di due donne, presumibilmente estranee agli eventi di poche ore dopo.

La presenza delle due donne potrebbe essere collegata al racconto rilasciato dagli stessi fratelli durante l’interrogatorio, nel quale hanno asserito di essersi recati sul luogo del pestaggio poiché chiamati per sedare una rissa mentre si trovavano in un cimitero intenti a consumare rapporti sessuali con tre donne e un altro amico.

Attualmente tutti e quattro i presunti aggressori sono accusati di omicidio volontario, con l’aggravante dei futili motivi. I fratello Bianchi e Mario Pincarelli si trovano reclusi nel carcere di Rebibbia, mentre Francesco Belleggia è agli arresti domiciliari.