Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.490,89
    +765,38 (+2,66%)
     
  • Nasdaq

    10.815,43
    +239,82 (+2,27%)
     
  • Nikkei 225

    26.215,79
    +278,58 (+1,07%)
     
  • EUR/USD

    0,9829
    +0,0028 (+0,29%)
     
  • BTC-EUR

    19.918,33
    +206,92 (+1,05%)
     
  • CMC Crypto 200

    444,05
    +8,70 (+2,00%)
     
  • HANG SENG

    17.079,51
    -143,32 (-0,83%)
     
  • S&P 500

    3.678,43
    +92,81 (+2,59%)
     

#Morto Alberto Balocco, colpito da un fulmine insieme a un amico -RPT

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Torino, 26 ago. (askanews) - Sono stati folgorati da un fulmine Alberto Balocco, 56 anni, titolare dell'omonima azienda dolciaria con sede a Fossano, nel cuneese, e il suo amico Davide Vigo, 55 anni, torinese residente in Lussemburgo. È successo oggi pomeriggio in Val Chisone mentre i due appassionati di mountain bike percorrevano la strada sterrata verso il rifugio dell'Assietta, nel comune di Pragelato, in provincia di Torino. A individuare i corpi a terra e dare l'allarme intorno alle 14 è stato un automobilista. Le condizioni metereologiche e la scena dell'incidente lasciano ipotizzare che i due ciclisti siano stati colpiti da un fulmine. L'elisoccorso, nonostante il cattivo tempo, è riuscito a far scendere l'equipe medica che ha tentato invano la rianimazione cardiocircolatoria. L'eliambulanza era impossibilitata ad atterrare dunque sono state inviate le squadre via terra per recuperare i corpi.

Il Colle dell'Assietta è un luogo simbolo del Piemonte per la battaglia del 19 luglio 1747 quando i piemontesi respinsero l'assalto dei francesi. In quell'occasione fu eretto il 'drapò' la bandiera bianca e rossa con listello azzurro diventato vessillo del Piemonte. In memoria di quella ricorrenza il 19 luglio sarà la festa del Piemonte. Oggi il Colle dell'Assietta è delle località più gettonate dagli amanti di mountain bike. L'azienda dolciaria, lo scorso 2 luglio, era già stata toccata da un lutto, con la scomparsa di Aldo Balocco, 91 anni, presidente onorario, che aveva trasformato la pasticceria, fondata dal padre Francesco Antonio nel 1927, in una delle più rinomate industrie dolciarie italiane, famosa per il "mandorlato", che conta 500 dipendenti e che nel 2021 ha fatturato circa 200 milioni di euro.