Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.963,57
    -6,90 (-0,02%)
     
  • Nasdaq

    14.741,62
    +27,72 (+0,19%)
     
  • Nikkei 225

    29.839,71
    -660,34 (-2,17%)
     
  • EUR/USD

    1,1723
    -0,0004 (-0,04%)
     
  • BTC-EUR

    35.664,54
    -2.193,93 (-5,80%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.041,98
    -21,86 (-2,05%)
     
  • HANG SENG

    24.221,54
    +122,40 (+0,51%)
     
  • S&P 500

    4.355,68
    -2,05 (-0,05%)
     

Mps, Franco: "Non cercheremo di chiudere con Unicredit a tutti i costi"

·2 minuto per la lettura

''Se dovessimo pensare, alla fine di questo percorso, che il pacchetto non sia adeguato non cercheremo di chiudere a a tutti i costi'' l'operazione con Unicredit. ''Io auspico che si chiuda, lo auspico fortemente. Lavoreremo affinché si trovi una soluzione, credo ci siano i margini, ma non chiuderemo a qualsiasi costo''. Lo afferma il ministro dell’Economia e delle finanze, Daniele Franco, nel corso dell'audizione sui recenti sviluppi della vicenda riguardante la Banca Monte dei Paschi di Siena, nelle commissioni Finanze di Camera e Senato, sottolineando che "un piano di rafforzamento patrimoniale nel quale Monte dei Paschi di Siena restasse un soggetto autonomo, la cosiddetta ipotesi stand alone, sarebbe esposto a rischi e incertezze considerevoli e avrebbe seri problemi di competitività".

'Rassicurando che "non si tratterà di una svendita di proprietà statale", FRanco sottolinea che "la trattativa parte su basi solide, non saremmo partiti se non pensassimo che non ci sia un margine per trovare una soluzione di mutuo interesse''. ''Abbiamo un partner industriale solido. Noi chiuderemo, proporremo un pacchetto finale, solo se saremo convinti come governo che sarà adeguato''. ''Lavoreremo affinché si trovi una soluzione. Credo ci siano i margini per trovare una soluzione''. Il ministro aggiunge che ''sarà un confronto complesso, alla fine del quale si vedrà se la soluzione sarà adeguata; a quel punto ci si porrà di nuovo problema il problema dei tempi, se la soluzione non sarà adeguata, ma al momento ci sono dei binari e li stiamo seguendo''.

Con Unicredit, secondo Franco, ''è stato avviato un percorso. Ci stiamo muovendo su delle tracce già indicate, per cercare di risolvere un problema che si trascina da anni purtroppo'', sottolinea il ministro. ''E' un'operazione complicata che coinvolge due soggetti quotati, che ha molte sfaccettature'', ricorda Franco. ''E' un'operazione che ha un'unica controparte che si è fatta avanti''. Alla fine di questa operazione ''ne discuteremo e, a quel punto, vedremo quali sono gli oneri, quali sono le soluzioni per l'occupazione, per la rete, per tutto. Credo che l'esito sarà trasparente perché la discussione si sta sviluppando in modo trasparente''. Alla fine ci sarà ''un pacchetto che potrà piacere o non piacere, che sarà approvato o non approvato, ma da parte mia e del governo non c'è alcun interesse a nascondere alcunché''.

''I dati che verranno pubblicati domani -conferma Franco- sono positivi; se i conti della banca miglioreranno decisamente questo la farà valere di più, ridurrà gli oneri per lo Stato e questa sarà un'ottima cosa. Però teniamo conto che è una cosa che si trascina da tempo''. ''Spero che sarà una soluzione che possa essere accettabile per il territorio, per la città, per il governo e il parlamento''.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli