Italia markets close in 4 hours 24 minutes
  • FTSE MIB

    21.242,55
    -590,95 (-2,71%)
     
  • Dow Jones

    31.029,31
    +82,32 (+0,27%)
     
  • Nasdaq

    11.177,89
    -3,65 (-0,03%)
     
  • Nikkei 225

    26.393,04
    -411,56 (-1,54%)
     
  • Petrolio

    109,14
    -0,64 (-0,58%)
     
  • BTC-EUR

    18.336,80
    -1.106,73 (-5,69%)
     
  • CMC Crypto 200

    408,27
    -31,39 (-7,14%)
     
  • Oro

    1.810,60
    -6,90 (-0,38%)
     
  • EUR/USD

    1,0405
    -0,0039 (-0,37%)
     
  • S&P 500

    3.818,83
    -2,72 (-0,07%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.420,44
    -93,88 (-2,67%)
     
  • EUR/GBP

    0,8590
    -0,0021 (-0,24%)
     
  • EUR/CHF

    0,9975
    +0,0010 (+0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,3436
    -0,0023 (-0,17%)
     

Mutui ai massimi dal 2010, crescono richieste per il tasso variabile

(Adnkronos) - Scenario in 'movimento' sul fronte mutui, anche alla luce degli annunci della Bce: come segnala Mutuionline quelli per l'acquisto della prima casa hanno toccato il massimo dal 2010, mentre sono scese ai minimi le richieste di surroga. Inoltre è aumentata significativamente la 'forbice' dello spread tra fisso e variabile, con un aumento dell’interesse per il variabile, rimasto stabile, mentre a maggio si è confermata la forte 'vulnerabilità' del tasso fisso. In ulteriore salita le richieste di mutuo a tasso variabile rispetto allo scorso trimestre (+53%) dall’11,5% al 17,6% del mix, così come il tasso variabile con CAP (dallo 0,6% al 3,5% del mix), un tasso ibrido tra il variabile e il fisso che consente ai mutuatari di mettersi al sicuro da eccessivi aumenti dei tassi d’interesse.

Le richieste sopra i 25 anni sono cresciute molto nell’ultimo anno fino a toccare questo trimestre quota 44,8% del mix (dal 33,7% del secondo trimestre 2021), dato confermato anche dalle erogazioni passate dal 25,6% medio del 2021 al 36,8% del mix nel 2022 (+43,7%).

Il Tan, ovvero il Tasso di Interesse Nominale, quello 'puro' che si applica a un finanziamento, per il variabile - secondo le rilevazioni di MutuiOnline.it ad aprile 2022 era all' 1,08% (il migliore allo 0,22%), per il fisso era al 2,24% (il migliore all'1,45%). Questa situazione di spread alti - spiega Mutuionline - "non è tuttavia destinata a durare a lungo considerate le dichiarazioni della Presidente della BCE Christine Lagarde, che prevedono un aumento del costo del denaro a partire da luglio". Il mercato è stato fortemente segnato poi dalle norme del decreto Sostegni Bis che favoriscono i giovani under 36: mutui green in ascesa, le erogazioni crescono dall’8% al 10% e sono in media 22 punti base più bassi rispetto a quelli dei mutui tradizionali.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli