Italia markets close in 1 hour 54 minutes
  • FTSE MIB

    24.814,14
    +203,85 (+0,83%)
     
  • Dow Jones

    34.493,28
    -96,49 (-0,28%)
     
  • Nasdaq

    11.508,87
    +40,87 (+0,36%)
     
  • Nikkei 225

    28.226,08
    +257,09 (+0,92%)
     
  • Petrolio

    82,69
    +2,14 (+2,66%)
     
  • BTC-EUR

    16.238,50
    +105,10 (+0,65%)
     
  • CMC Crypto 200

    403,49
    -2,66 (-0,65%)
     
  • Oro

    1.812,80
    +52,90 (+3,01%)
     
  • EUR/USD

    1,0517
    +0,0109 (+1,05%)
     
  • S&P 500

    4.090,40
    +10,29 (+0,25%)
     
  • HANG SENG

    18.736,44
    +139,21 (+0,75%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.997,81
    +33,09 (+0,83%)
     
  • EUR/GBP

    0,8570
    -0,0055 (-0,64%)
     
  • EUR/CHF

    0,9868
    +0,0032 (+0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,4111
    +0,0146 (+1,04%)
     

Mykolaiv, l'orrore arriva la notte

La vita in una città vicina al fronte è abbstanza dura durante il giorno. La notte è terribile Qui siamo a Mykolaiv, situata a meno di 100 km da Kherson al confine con la Russia, ed è occupata temporaneamente.

Alle quattro del mattino: abbiamo appena sentito un'esplosione. L'allarme aereo è scattato 4 minuti dopo. In pochi minuti si ascoltano altre esplosioni, più vicine. Nell'hotel, situato poco distante dal centro cittadino, alcuni ospiti hanno deciso di nascondersi sottoterra. Il rifugio è raggiungibile a piedi, ma il tragitto è relativamente breve. Spesso nelle città scattano gli allarmi aerei ma non c'è nessun posto dove nascondersi nella zona.

Natalia Liubchenkova, Euronews: «Si tratta essenzialmente di un deposito (sotterraneo) è un locale tecnico adibito a rifugio per istorante adiacente. Il suo scopo principale sia quello di dare ai residenti un'idea di sicurezza».

La notizia di un edificio residenziale colpito da uno dei missili ha inondato i social media locali mezz'ora dopo.

Alle 5.30 l'allarme aereo è cessato: la città è nel buio più totale, non passa una sola macchina e non si accende nemmeno una luce sui finestrini.

Ma non per molto. Con l'arrivo del mattino, la vita continua qui, anche se somiglia poco a quella che era prima della guerra. I soccorsi stanno lavorando nell'edificio che è stato colpito questa notte. E il corpo di una giovane donna è stato estratto dalla parte distrutta dell'edificio. Dmytro è venuto a controllare l'appartamento di sua zia, che ha lasciato Mykolaiv alcuni mesi fa.

Dice Dmytro, il nipote del proprietario dell'appartamento danneggiato: “È relativamente ok nell'appartamento... Qualche problema al soffitto, niente finestre, anche le porte sono saltate.

Euronews: Pensi che verrà ripristinato?

Dmytro: Oh no. È irreale vivere qui adesso.

Illya, uno studente del 4° anno, era a casa quando due razzi si sono schiantati nel suo quartiere due sere fa, uno nel cortile e un altro ha colpito l'edificio accanto al suo. Alcuni residenti sono rimasti gravemente feriti.

Illiya, studente di linguistica applicata: “Sì, ero in cucina (quando è avvenuta l'esplosione) e l'onda d'urto mi ha scaraventato contro il muro e la seconda ondata ha fatto saltare gli infissi delle nostre finestre.

… Se guardate laggiù…. Sono stati distrutti 4, 6 appartamenti e i cadavei sono rimossi dall'intera sezione.

Ecco perché ora abbiamo problemi con l'approvvigionamento idrico, con l'elettricità, con Internet".

Le autorità ucraine affermano che i missili russi S-300 e i droni kamikaze sono stati utilizzati nei recenti attacchi. Nella città terrorizzata la rabbia è tutta contro i russi e contro questa guerra insensata.