Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.364,50
    +99,13 (+0,29%)
     
  • Nasdaq

    13.855,13
    +86,21 (+0,63%)
     
  • Nikkei 225

    27.588,37
    +66,11 (+0,24%)
     
  • EUR/USD

    1,1331
    -0,0023 (-0,20%)
     
  • BTC-EUR

    32.638,99
    +1.283,32 (+4,09%)
     
  • CMC Crypto 200

    840,34
    +29,74 (+3,67%)
     
  • HANG SENG

    24.656,46
    -309,09 (-1,24%)
     
  • S&P 500

    4.410,13
    +12,19 (+0,28%)
     

Nada Cella, si cerca un testimone: “Ho visto fuggire in motorino una donna con una giacca senape”

·1 minuto per la lettura
nada cella testimone
nada cella testimone

La magistratura che sta indagando sul caso di Nada Cella, la segretaria di 24 anni uccisa il 6 maggio 1996 nello studio del commercialista Marco Soracco, è alla ricerca del testimone che la mattina dell’omicidio aveva riferito al 113 di Chiavari di aver visto fuggire un motorino nero con a bordo una persona con la giacca color senape.

Nada Cella, si cerca un testimone

L’uomo potrebbe essere un nuovo testimone sulle cui tracce si stanno muovendo gli inquirenti per cercare di ricostruire la dinamica di quanto accaduto ormai 25 anni fa. Costui aveva riferito di aver visto una donna a bordo di un motorino in via Marsala poche ore prima dell’uccisione. Aveva infatti telefonato al 113 intorno alle 12.45, presunto orario del delitto, dicendo di aver scorto tra le 9 e le 9.30 una donna con una giacca color senape che stava fuggendo.

Gli investigatori della squadra mobile di Genova, coordinati dal sostituto procuratore Gabriella Dotto e dal procuratore Francesco Pinto, stanno ora cercando di risalire a quel testimone che però era rimasto anonimo.

Nada Cella, si cerca un testimone: sequestrato un motorino

Nelle scorse settimane le autorità hanno sequestrato un motorino immatricolato negli anni Novanta ad Annalucia Cecere, l’ex insegnante di 53 anni indagata per l’omicidio. Secondo gli inquirenti avrebe ucciso la donna perché voleva prenderne il suo posto di lavoro ed era interessata a Soracco.

Sul motorino sono anche state trovate tracce compatibili con sangue che ora sono sotto l’analisi della scientifica. Interrogata la scorsa estate, la donna ha negato il suo coinvolgimento nella vicenda asserendo di trovarsi dal dentista al momento dei fatti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli