Italia Markets closed

Nadef, Corte dei Conti auspica 'percorso credibile riduzione debito'. Ed è 'indispensabile rivedere spesa pubblica'

Laura Naka Antonelli

L'impostazione del Nadef del governo M5SW-PD "appare positiva" alla luce degli orientamenti della Commissione Ue e della Bce. Tuttavia, è fondamentale che il completamento del quadro programmatico includa "un percorso credibile" di riduzione del debito. Così Angelo Buscema, numero uno della Corte dei Conti, in un'audizione alle commissioni riunite Bilancio della Camera e del Senato.

"Appare positiva l'impostazione che si trae dal documento per una manovra di bilancio che, al netto della disattivazione della clausola IVA, è di dimensioni limitate e con misure che intervengono sulle principali criticità del nostro sistema economico e istituzionale attraverso specifici provvedimenti collegati alla legge di bilancio".

Per la Corte "le crescenti difficoltà del nostro sistema economico richiedono, tuttavia, che il quadro programmatico contenuto nella Nota 2019, oggi ancora parziale, sia rapidamente completato ed esplicitato. Dalla natura e dalla qualità delle misure proposte dipenderà, infatti, la possibilità di incidere sui programmi di investimento delle imprese e sulle aspettative delle famiglie, superando le incertezze che hanno finora contribuito al generale rallentamento della nostra economia. E ciò senza ulteriori squilibri per i conti pubblici".

"Le particolari, favorevoli, condizioni dei tassi di interesse devono, del resto, consentire di avviare il rapporto debito-Pil su un percorso credibile di riduzione", ha insistito Buscema.

A tal proposito, è "indispensabile perseguire una riqualificazione della spesa pubblica, puntando al miglioramento dell'efficienza della Pubblica amministrazione, ad un attento screening della qualità dei servizi resi e ad una più penetrante capacità di misurazione dei risultati raggiunti dai diversi programmi".

Buscema ha insistito: "Solo con un'attenta selezione delle attività da continuare a finanziare è possibile rendere compatibile il sostegno di progetti di investimento con la realizzazione di sistemi e livelli di istruzione e formazione all'altezza dei nostri partner e, naturalmente, liberare risorse per una riduzione dell`onere fiscale".