Italia markets close in 22 minutes
  • FTSE MIB

    24.535,95
    +95,07 (+0,39%)
     
  • Dow Jones

    33.780,88
    -68,58 (-0,20%)
     
  • Nasdaq

    11.006,46
    -43,04 (-0,39%)
     
  • Nikkei 225

    28.027,84
    -134,99 (-0,48%)
     
  • Petrolio

    79,02
    +1,78 (+2,30%)
     
  • BTC-EUR

    15.839,71
    +134,82 (+0,86%)
     
  • CMC Crypto 200

    387,20
    -1,52 (-0,39%)
     
  • Oro

    1.769,40
    +14,10 (+0,80%)
     
  • EUR/USD

    1,0355
    +0,0011 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    3.955,92
    -8,02 (-0,20%)
     
  • HANG SENG

    18.204,68
    +906,74 (+5,24%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.946,86
    +11,35 (+0,29%)
     
  • EUR/GBP

    0,8628
    -0,0016 (-0,18%)
     
  • EUR/CHF

    0,9845
    +0,0033 (+0,33%)
     
  • EUR/CAD

    1,4056
    +0,0107 (+0,77%)
     

Nadef sulle retribuzioni: "Rimaste al palo". Potere di acquisto potrebbe aumentare nel 2024

Nadef retribuzioni
Nadef retribuzioni

Questo è un periodo storico particolarmente critico sia per le imprese che per le moltissime famiglie che stanno affrontando problemi non da poco. L’impennata del costo dell’energia ha messo in ginocchio moltissimi nuclei familiari che faticano sempre più ad arrivare a fine mese. Anche l’inflazione, arrivata ormai poco sotto al 10% non è stata un’eccezione, eppure c’è qualcosa che, secondo la Nadef (Nota di aggiornamento al Def)  è “rimasto al palo”: si tratta delle retribuzioni.

Nadef, le retribuzioni rimangono “al palo”

Stando a quanto viene previsto dalla Nadef, gli stipendi del settore privato potrebbero subire un piccolo aumento di circa l’1,8% nel 2022. Tale valore – si apprende – potrebbe toccare il 2,9% nel prossimo 2023 e il 2,5% nel 2024. Si tratta di un indice importante che ci dice molto di come il divario effettivo tra il salario e i prezzi continui a crescere.

“I prossimi mesi saranno complessi”

Nel frattempo nella premessa presentata nella Nadef è stato fornito quadro generale di cosa ci dovremo aspettare nei prossimi mesi: “I prossimi mesi saranno complessi, alla luce dei rischi geopolitici e del probabile permanere dei prezzi dell’energia su livelli elevati. Le risorse a disposizione del Paese per rilanciare gli investimenti pubblici e promuovere quelli privati, sia in nuovi impianti sia in innovazione, non hanno tuttavia precedenti nella storia recente e potranno dar luogo a una crescita sostenibile ed elevata, così da porre termine alla lunga fase di sostanziale stagnazione dell’economia”.