Italia markets close in 6 hours 12 minutes
  • FTSE MIB

    23.071,42
    +100,69 (+0,44%)
     
  • Dow Jones

    33.912,44
    +151,39 (+0,45%)
     
  • Nasdaq

    13.128,05
    +80,87 (+0,62%)
     
  • Nikkei 225

    28.868,91
    -2,87 (-0,01%)
     
  • Petrolio

    88,66
    -0,75 (-0,84%)
     
  • BTC-EUR

    23.722,93
    -186,93 (-0,78%)
     
  • CMC Crypto 200

    571,58
    -19,19 (-3,25%)
     
  • Oro

    1.789,80
    -8,30 (-0,46%)
     
  • EUR/USD

    1,0137
    -0,0028 (-0,27%)
     
  • S&P 500

    4.297,14
    +16,99 (+0,40%)
     
  • HANG SENG

    19.830,52
    -210,34 (-1,05%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.812,08
    +22,46 (+0,59%)
     
  • EUR/GBP

    0,8415
    -0,0011 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9620
    +0,0009 (+0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,3069
    -0,0034 (-0,26%)
     

Nasce ‘Piemonte digitale 2030’ per sostenere comuni nell’accesso a fondi Pnrr

(Adnkronos) - Piemonte digitale 2030 e’ il nome del nuovo programma d’azione regionale che sosterrà e accompagnerà i comuni piemontesi nell’accesso ai fondi per la trasformazione digitale, a partire dai bandi del Pnrr attualmente on line, attraverso una task force dedicata che fornirà alle amministrazioni un’assistenza progettuale e procedurale. A disposizione del progetto un team di professionisti ed esperti del Csi Piemonte e della Fondazione Torino Wireless, in collaborazione con gli altri Enti che operano a supporto della transizione digitale della Pa, Anci Piemonte, Uncem Piemonte, Anpci e il Dipartimento per la trasformazione digitale.

“Un progetto importantissimo - commentano il presidente della Regione, Alberto Cirio, e gli assessori all’Innovazione e allo Sviluppo delle Attività Produttive, Matteo Marnati e Andrea Troxpzano - per supportare i nostri comuni, stare al fianco soprattutto di quelli piccoli, che costituiscono la spina dorsale della nostra regione, e che sono meno strutturati rispetto a quelli grandi. Siamo in un momento storico estremamente ricco di opportunità con i fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Una mole di risorse e di opportunità ma occorre favorire conoscenza e assistenza”.

“Il Csi - sottolinea il dg Pietro Pacini - ha le competenze e le professionalità per supportare le Amministrazioni nel percorso di trasformazione digitale, aiutando subito gli enti ad accedere agli ingenti finanziamenti previsti dai bandi del Pnrr. Il Consorzio è in grado offrire soluzioni tecnologiche semplici e sicure ai Comuni che vogliano sfruttare le opportunità delle misure di intervento del piano”.

“Questo programma d’azione – aggiunge il presidente di Fondazione Torino Wireless, Massimiliano Cipolletta – è un tassello determinante per consolidare e far evolvere la nostra posizione di territorio innovativo che investe sul futuro. Fondazione Torino Wireless ha sviluppato e messo in campo negli anni, rispetto alla Pa e alle imprese, competenze consolidate di analisi, assistenza e accompagnamento su bandi e progetti legati all’innovazione e, dunque, questa sfida per una PA sempre più digitale e vicina ai bisogni di cittadini e imprese ci trova più che mai pronti”.

Le risorse disponibili sul Pnrr sono fino a 260 milioni di euro per la digitalizzazione del territorio piemontese, suddivisi in 5 grandi misure che finanzieranno la migrazione al cloud, per trasferire sistemi, dati e applicazioni verso cloud certificati e sicuri, il consolidamento della piattaforma digitale PagoPa come punto privilegiato di contatto tra enti e cittadini per le transazioni economiche, l’adozione dell’app Io l’infrastruttura unica che permetterà alle Pa di notificare gli atti amministrativi a valore legale alle persone fisiche e giuridiche, l’incremento dell’adozione dell’Identità digitale, l’adeguamento dell’esperienza dei cittadini nei servizi pubblici a standard di accessibilità e usabilità.

Le risorse saranno assegnate in ordine di prenotazione con l’erogazione di voucher, somme predefinite per tipologia e dimensione dell’amministrazione locale. Aderendo a tutte e 5 le misure previste i piccoli Comuni, fino a 2.500 abitanti, ad esempio, potranno contare su importi indicativi fino a 184mila euro, quelli fino a 5.000 abitanti su 214mila euro, i Comuni fino a 100mila abitanti su 889mila euro e quelli più grandi, fino a 250mila abitanti, su oltre 1,7 milioni di euro.

Per accedere al ’assistenza progettuale e procedurale, da lunedì basterà mandare un’e-mail a pnrr.digitale@regione.piemonte.it ed entro 24 ore si sarà ricontattati. Infine, saranno anche organizzati degli incontri sul territorio per presentare le modalità di accesso ai fondi del Pnrr. I primi appuntamenti si terranno ad Asti il 30 giugno, quindi Novara il 1 luglio e il 4 a Torino.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli