Italia markets close in 11 minutes
  • FTSE MIB

    25.634,25
    +144,03 (+0,57%)
     
  • Dow Jones

    34.990,36
    +197,69 (+0,57%)
     
  • Nasdaq

    14.869,51
    +88,98 (+0,60%)
     
  • Nikkei 225

    27.728,12
    +144,04 (+0,52%)
     
  • Petrolio

    68,53
    +0,38 (+0,56%)
     
  • BTC-EUR

    33.110,42
    -349,24 (-1,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    977,49
    +1,60 (+0,16%)
     
  • Oro

    1.801,00
    -9,50 (-0,52%)
     
  • EUR/USD

    1,1843
    0,0000 (-0,00%)
     
  • S&P 500

    4.420,21
    +17,55 (+0,40%)
     
  • HANG SENG

    26.204,69
    -221,86 (-0,84%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.161,00
    +16,10 (+0,39%)
     
  • EUR/GBP

    0,8497
    -0,0024 (-0,28%)
     
  • EUR/CHF

    1,0733
    +0,0005 (+0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,4787
    -0,0058 (-0,39%)
     

Naspi 2021, calcolo importo: a quanto ammonta

·2 minuto per la lettura

Quanto si prende di Naspi nel 2021 e come è effettuato il calcolo dell’importo spettante?

L’importo dell’indennità di disoccupazione è calcolato in base alla storia retributiva del lavoratore. È questa una delle regole da conoscere per capire a quanto ammonta la Naspi erogata mensilmente.

Nello specifico, per determinare l’ammontare riconosciuto ogni mese si considera la retribuzione media percepita dal lavoratore nei quattro anni precedenti alla richiesta della Naspi.

I lavoratori che presentano domanda di disoccupazione avranno diritto ad un assegno pari al 75% della retribuzione media mensile, se inferiore al limite di 1.227,55 euro.

Per chi invece ha percepito retribuzioni di importo superiore a tale soglia, all’importo base del 75% bisognerà sommare un’ulteriore quota pari al 25% della differenza tra la retribuzione media mensile e l’importo di 1.227,55 euro.

In ogni caso, ciascun lavoratore non potrà ottenere un importo mensile superiore ad una certa soglia, rivalutata annualmente sulla base delle variazioni all’Indice ISTAT e comunicata dall’INPS. Per quel che riguarda la Naspi 2021, il limite massimo è fissato a 1.335,40 euro mensili.

Alle regole generali previste bisogna poi affiancare le novità introdotte in considerazione dell’emergenza occupazionale ed economica causata dalla pandemia da Covid-19.

Esclusivamente per il 2021 è sospeso il meccanismo di décalage, ossia il taglio del 3% mensile dell’importo riconosciuto a partire dal quarto mese di fruizione della Naspi.

La novità è stata introdotta dal decreto Sostegni e, in sostanza, se solitamente l’importo della Naspi si riduce progressivamente, per le indennità in pagamento dal 1° giugno e fino al 31 dicembre 2021 la decurtazione viene meno, salvo poi tornare ad applicarsi a partire dal 1° gennaio 2022.

L’avvio del nuovo anno porterà però ad uno sfoltimento importante della Naspi: l’importo spettante, a partire dal 1° gennaio 2022, verrà calcolato applicando il totale delle decurtazioni congelate nel secondo semestre dell’anno in corso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli