Italia Markets closed

Natale, Confesercenti: in calo spesa per regali, 272 euro a... -2-

Mlp

Roma, 17 dic. (askanews) - Un mutato atteggiamento che, nelle decorazioni, si intreccia con una rinnovata voglia di tradizione: l'albero rimane il più scelto ma perde terreno, soprattutto quello vero, passando dal 76 al 73% delle preferenze. Cresce invece il Presepe, ora tornato quasi in una casa su due (49%). Sempre più tradizionali anche i dolci: il 50% sceglierà il panettone, il 44% il pandoro. Solo il 6% opterà per altri tipi di dessert natalizio.

Sempre in un'ottica di attenzione alla sostenibilità, il 32% degli italiani progetta di spendere meno dello scorso anno, contro un 11% che invece è intenzionato a spendere di più. Il risultato è una leggera riduzione della spesa media per i regali, che passa da 285 a 272 euro per persona. È un taglio lineare: ogni italiano acquisterà in media 7 regali, lo stesso numero dello scorso anno. Ma spenderà, per tutti un po' di meno, salvando dalla riduzione solo parenti stretti e bambini.

Per gli acquisti di Natale, si sceglierà soprattutto il commercio di vicinato. Il 39% degli intervistati indica l'intenzione di comprare in un negozio o un mercatino: una quota superiore sia a quella che preferisce il canale del web (32%) che a quelli che hanno intenzione di fare i propri acquisti di Natale presso grandi strutture commerciali (25%). Rispetto a 10 anni fa, però, la crescita dell'online è evidente: nel 2010 solo un italiano su dieci comprava i suoi regali via internet. Calano, invece, gli acquisti nei centri commerciali, dal 49% di inizio decade al 25% di oggi. (Segue)