Italia markets open in 8 hours 45 minutes
  • Dow Jones

    35.064,25
    +271,58 (+0,78%)
     
  • Nasdaq

    14.895,12
    +114,58 (+0,78%)
     
  • Nikkei 225

    27.728,12
    +144,04 (+0,52%)
     
  • EUR/USD

    1,1836
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • BTC-EUR

    34.633,89
    +651,07 (+1,92%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.005,54
    +29,64 (+3,04%)
     
  • HANG SENG

    26.204,69
    -221,86 (-0,84%)
     
  • S&P 500

    4.429,10
    +26,44 (+0,60%)
     

Nei morti per Covid danni simili a quelli nei malati di Alzheimer e Parkinson

·1 minuto per la lettura

AGI - L'infiammazione al cervello e i danni ai circuiti neuronali riscontrati nei pazienti deceduti per il Covid-19 sono simili a quelli registrati nei malati di Alzheimer e Parkinson. Lo rivela uno studio preliminare dell'Università di Stanford, intitolato “Disregolazione dei tipi di cellule del cervello e del plesso coroideo nei casi più gravi di Covid-19”, pubblicato sulla rivista Nature.  

Gli studiosi della Stanford assieme ai colleghi dell'Università tedesca di Saarbrucken, in tutto un team di 23 ricercatori, hanno analizzato il tessuto cerebrale di 8 persone morte a causa del coronavirus e di altre 14 decedute per altre patologie.

Nelle oltre 65 mila cellule dei tessuti cerebrali dei malati di Sars-Cov-2 morti  sono stati rilevati “cambiamenti sorprendenti”, simili a quelli presenti in chi appunto è affetto da patologie neurodegenerative, quali Alzheimer e Parkinson.  

Tuttavia in nessun caso è stata individuata la presenza diretta del coronavirus nelle cellule cerebrali, pertanto gli studiosi sono giunti alla conclusione che “'l'infezione nel resto del corpo possa essere sufficiente per scatenare sintomi neurologici anche in quei pazienti che non sono morti per la malattia”.

I ricercatori hanno osservato ampie perturbazioni cellulari che predicono che le cellule barriera del plesso coroideo percepiscano e trasmettano l'infiammazione periferica nel cervello e mostrano che le cellule T periferiche si infiltrano nel parenchima. Inoltre, nei cervelli dei pazienti di Covid-19 si attiverebbero con maggiore frequenza i geni legati alla cognizione, alla schizofrenia e alla depressione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli