Italia markets close in 6 hours 15 minutes
  • FTSE MIB

    25.553,71
    +63,49 (+0,25%)
     
  • Dow Jones

    34.792,67
    -323,73 (-0,92%)
     
  • Nasdaq

    14.780,53
    +19,24 (+0,13%)
     
  • Nikkei 225

    27.728,12
    +144,04 (+0,52%)
     
  • Petrolio

    68,63
    +0,48 (+0,70%)
     
  • BTC-EUR

    32.590,97
    +495,85 (+1,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    952,90
    +26,13 (+2,82%)
     
  • Oro

    1.813,20
    -1,30 (-0,07%)
     
  • EUR/USD

    1,1840
    -0,0003 (-0,02%)
     
  • S&P 500

    4.402,66
    -20,49 (-0,46%)
     
  • HANG SENG

    26.204,69
    -221,86 (-0,84%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.163,08
    +18,18 (+0,44%)
     
  • EUR/GBP

    0,8502
    -0,0019 (-0,22%)
     
  • EUR/CHF

    1,0727
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4816
    -0,0029 (-0,20%)
     

Neil Young vuol fare causa a Trump per utilizzo sue canzoni

·1 minuto per la lettura

Roma, 5 ago. (askanews) - Neil Young vuole fare causa a Donald Trump. Dopo aver dichiarato l'intenzione di procedere giuridicamente contro il Presidente che ha utilizzato alcuni suoi brani durante i comizi e dopo averci ripensato a causa della pandemia, ora le cose si stanno facendo serie. Sul suo sito infatti è apparso il testo della denuncia. Non è chiaro se sia stata depositata o meno, i rappresentanti di Young non hanno risposto alla richieste di delucidazioni. Nel testo si legge: "Non ci sono e non ci sono mai state licenze o permessi del querelante per suonare le due canzoni [Rockin' in the Free World e Devil's Sidewalk] in qualsiasi evento politico pubblico". Young chiede "il risarcimento dei danni legali nella misura massima consentita per violazione intenzionale del copyright". La causa sostiene che la campagna di Trump abbia "volontariamente ignorato le richieste (di Young) e abbia utilizzato le canzoni nonostante la mancanza di una licenza e con la consapevolezza che la licenza fosse necessaria. Inoltre, in una sezione si legge che, dopo il primo polverone su Rockin' in the Free World nel 2015, il team di Trump abbia rilasciato una dichiarazione in cui afferma di essersi procurata una licenza, riconoscendo dunque la necessità di esserne in possesso".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli