Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.129,65
    -58,73 (-0,19%)
     
  • Nasdaq

    13.477,14
    +19,89 (+0,15%)
     
  • Nikkei 225

    28.756,86
    +233,60 (+0,82%)
     
  • EUR/USD

    1,2143
    +0,0028 (+0,23%)
     
  • BTC-EUR

    25.770,83
    -3.079,82 (-10,68%)
     
  • CMC Crypto 200

    619,40
    -60,51 (-8,90%)
     
  • HANG SENG

    29.927,76
    -34,71 (-0,12%)
     
  • S&P 500

    3.846,94
    -4,91 (-0,13%)
     

Nel 2020 contratti di leasing per l’auto elettrica verso il raddoppio (di G. Lonardi)

Carlo Renda
·Vicedirettore HuffPost
·2 minuto per la lettura
Electric Vehicle in Park Charging station in UK Street (Photo: nrqemi via Getty Images)
Electric Vehicle in Park Charging station in UK Street (Photo: nrqemi via Getty Images)

(di Giorgio Lonardi)

Il 2020 si sta rivelando come l’anno del grande cambiamento per il mondo dell’auto. A causa del Covid fra gennaio e ottobre il mercato italiano è crollato del 31 per cento. Ha fatto eccezione l’immatricolazione delle vetture elettriche “pure” cresciuta del 202% e quella delle ibride con un incremento anche maggiore. Oggi su cento auto acquistate in Italia quasi due sono elettriche. Può sembrare poco ma in realtà si tratta di un segnale importante che schiude le porte a nuovi business. A patto di crederci e di essersi preparati per tempo.

Uno spostamento che diventa ancora più netto se si osserva il mercato del leasing.

E infatti, come rileva Assilea, l’associazione di settore, nei primi nove mesi del 2020 il leasing auto nel suo complesso è crollato del 34% come numero e del 23,5% come valore. Al contrario i contratti legati alla mobilità elettrica “pura”, escluse le ibride e le plug-in, sono quasi raddoppiati (il dato in questo caso è riferito al periodo gennaio-ottobre) balzando dai 1.225 stipulati nel 2019 fino ai 2.215 di quest’anno.

In questo quadro scommettere con lungimiranza sullo sviluppo del leasing al servizio dell’acquisto di vetture elettriche non è da tutti. Eppure c’è chi l’ha fatto. È il caso di Banca Ifis presente da sempre nel comparto del leasing auto e più recentemente nella mobilità elettrica. Una scelta che ha consentito alla banca da una parte di ridurre le perdite legate al calo delle vendite di automobili tradizionali. E dall’altra di confermare la posizione di leader italiano nella nicchia green con una quota di mercato del 38 per cento nei primi dieci mesi del 2020.

I numeri parlano chiaro. Nel periodo compreso fra gennaio e ottobre del 2019 la mobilità elettrica copriva il 10% di tutti i contratti di leasing firmati da Banca Ifis. Qu...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.