Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 4 hours 9 minutes
  • FTSE MIB

    32.646,57
    -54,35 (-0,17%)
     
  • Dow Jones

    39.131,53
    +62,43 (+0,16%)
     
  • Nasdaq

    15.996,82
    -44,78 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    39.233,71
    +135,01 (+0,35%)
     
  • Petrolio

    76,09
    -0,40 (-0,52%)
     
  • Bitcoin EUR

    46.979,07
    -594,51 (-1,25%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.040,70
    -8,70 (-0,42%)
     
  • EUR/USD

    1,0858
    +0,0035 (+0,33%)
     
  • S&P 500

    5.088,80
    +1,77 (+0,03%)
     
  • HANG SENG

    16.634,74
    -91,12 (-0,54%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.866,73
    -5,84 (-0,12%)
     
  • EUR/GBP

    0,8548
    +0,0009 (+0,11%)
     
  • EUR/CHF

    0,9545
    +0,0014 (+0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,4670
    +0,0059 (+0,41%)
     

Nel 2023 è stata deal-mania negli Usa per settore energia - Enverus

Prezzi del carburante ad una stazione della BP a Mt. Rainier, Maryland.

(Reuters) - L'anno scorso il valore delle operazioni di M&A nel settore dell'energia negli Stati Uniti ha raggiunto la cifra record di 192 miliardi di dollari, più del triplo rispetto al 2022.

È quanto emerge dai dati forniti dalla società di analisi Enverus.

Le acquisizioni nel bacino di scisto Permiano, il più grande giacimento petrolifero degli Stati Uniti a cavallo tra il Texas occidentale e il New Mexico, sono salite alle stelle negli ultimi due anni, quando i prezzi del petrolio sono cresciuti grazie alla forte domanda dopo l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia e i produttori hanno cercato pozzi di produzione per garantire le forniture future.

Tre operazioni in corso - l'offerta di Exxon Mobil per Pioneer Natural Resources , l'offerta di Chevron per Hess e l'offerta di Occidental Petroleum per CrownRock - hanno portato il valore delle operazioni nel quarto trimestre a 144 miliardi di dollari, un livello record per ogni trimestre e anno.

"Il settore petrolifero e del gas sta attraversando un'ondata storica di consolidamento, paragonabile a quella che si è verificata alla fine degli anni '90 e all'inizio del 2000, dando origine alle moderne supermajor", ha detto Andrew Dittmar, vicepresidente senior di Enverus.

Secondo Dittmar le transazioni dovrebbero continuare su questi livelli anche quest'anno, con alcune potenziali cessioni e l'offerta attesa per il produttore di gas e petrolio di scisto Endeavor Energy. Il mese scorso Reuters ha riportato che la società con sede a Midland, in Texas, potrebbe essere valutata tra i 25 e i 30 miliardi di dollari in caso di vendita.

Dittmar ha aggiunto che gli acquirenti nel tentativo di scorporare asset derivanti da queste grandi operazioni potrebbero generare una raffica di deal minori quest'anno. Anche le società di private equity hanno raccolto nuovi capitali e "probabilmente sono interessate a questi asset non-core", ha detto.

Per il 2023, negli Stati Uniti predominano le acquisizioni di attività di produzione petrolifera. L'anno scorso si è registrato un totale di circa 186 miliardi di dollari in questo tipo di operazioni. La più grande è stata l'offerta di 65 miliardi di dollari di Exxon per Pioneer.

L'anno scorso sono stati spesi complessivamente meno di 6 miliardi di dollari per le operazioni incentrate sul gas naturale, rispetto ai 10,6 miliardi del 2022; la più importante operazione è stata l'acquisizione di Rockcliff Energy, con sede in Texas, da parte di Tokyo Gas, per un valore di 2,7 miliardi di dollari, secondo Enverus.

Anche se i futures sul gas negli Stati Uniti sono crollati di circa il 44% nel 2023, dopo essere saliti di circa il 20% nel 2022, l'operazione rientra negli sforzi della società giapponese di espandere le proprie attività nel settore del gas di scisto nordamericano per soddisfare la crescente domanda di gas naturale come combustibile per la transizione energetica.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Gianluca Semeraro)