Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,55 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.761,05
    +424,38 (+1,27%)
     
  • Nasdaq

    13.047,19
    +267,27 (+2,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.546,98
    +727,65 (+2,62%)
     
  • Petrolio

    91,88
    -2,46 (-2,61%)
     
  • BTC-EUR

    23.922,20
    -328,99 (-1,36%)
     
  • CMC Crypto 200

    574,64
    +3,36 (+0,59%)
     
  • Oro

    1.818,90
    +11,70 (+0,65%)
     
  • EUR/USD

    1,0257
    -0,0068 (-0,66%)
     
  • S&P 500

    4.280,15
    +72,88 (+1,73%)
     
  • HANG SENG

    20.175,62
    +93,19 (+0,46%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.776,81
    +19,76 (+0,53%)
     
  • EUR/GBP

    0,8457
    -0,0001 (-0,02%)
     
  • EUR/CHF

    0,9656
    -0,0058 (-0,60%)
     
  • EUR/CAD

    1,3100
    -0,0071 (-0,54%)
     

Neoplasie mieloproliferative, ai pazienti consigliata dieta mediterranea

(Adnkronos) - Non esiste una dieta specifica per i pazienti affetti da neoplasie mieloproliferative (Mpn) croniche, malattie che colpiscono le cellule che formano il sangue e hanno un grande impatto sulla qualità di vita. Non c'è alcun regime alimentare che abbia un impatto specifico su alcuni indicatori di malattia, come la conta delle piastrine o l'ematocrito. Tuttavia, una dieta equilibrata può contribuire a ridurre il rischio di importanti complicanze, come quelle a carico del sistema cardiovascolare. In generale, quindi, ai pazienti con Mpn viene consigliato di seguire la dieta mediterranea, già ampiamente studiata per i suoi benefici nella prevenzione e gestione di numerose malattie, fra cui anche i tumori. E' quanto riporta un articolo pubblicato su 'Alleati per la Salute', portale dedicato all'informazione medico-scientifica realizzato da Novartis.

Per cercare di dimostrare un'azione specifica di questo regime alimentare sulle persone con mielofibrosi, policitemia vera o trombocitemia essenziale - si legge nell'articolo - è attualmente in corso uno studio clinico su 900 persone con malattie mieloproliferative, iniziato dopo che una prima sperimentazione aveva dimostrato la fattibilità per i pazienti di seguire questa dieta.

Nessun divieto, ma una forte raccomandazione a limitare l'assunzione di carni rosse e formaggi, così come in generale di grassi animali, caffè e alcolici. Prudenza anche con gli zuccheri semplici e i cibi processati. Meglio preferire un'alimentazione ricca di frutta e verdura, pesce, farine integrali e condire esclusivamente con olio extravergine di oliva. In questo modo è possibile mantenersi in forma e allo stesso tempo diminuire alcuni fattori di rischio cardiovascolari, come il colesterolo Ldl, meglio noto come 'colesterolo cattivo'.

Alcuni sintomi delle neoplasie mieloproliferative croniche e delle terapie a cui i pazienti si sottopongono - dolori addominali, nausea, diarrea - possono rendere difficoltoso mangiare adeguatamente. E' quindi importante non solo seguire un regime alimentare equilibrato e sano - riferisce l'articolo - ma anche valutare lo stato nutrizionale per evitare la malnutrizione. In caso di effetti collaterali importanti o di una perdita di peso, è necessario discutere con il proprio medico sulla dieta più indicata da seguire.

L'articolo completo è disponibile su: https://www.alleatiperlasalute.it/una-mela-al-giorno/cibi-da-evitare-se-hai-una-neoplasia-mieloproliferativa-cronica.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli