Italia markets open in 4 hours 45 minutes
  • Dow Jones

    33.823,45
    -210,22 (-0,62%)
     
  • Nasdaq

    14.161,35
    +121,67 (+0,87%)
     
  • Nikkei 225

    29.111,15
    +92,82 (+0,32%)
     
  • EUR/USD

    1,1919
    +0,0009 (+0,07%)
     
  • BTC-EUR

    31.439,22
    -1.375,61 (-4,19%)
     
  • CMC Crypto 200

    930,42
    -39,45 (-4,07%)
     
  • HANG SENG

    28.715,95
    +157,36 (+0,55%)
     
  • S&P 500

    4.221,86
    -1,84 (-0,04%)
     

"Nessun pregiudizio sul ponte sullo Stretto. I porti? Bisogna salvare le persone in mare"

·Giornalista, Huffpost
·1 minuto per la lettura
Enrico Giovannini (Photo: Ansa)
Enrico Giovannini (Photo: Ansa)

“Bisogna salvare le persone e metterle in sicurezza dal punto di vista sanitario”. Parte da questo presupposto il ministro delle Infrastrutture e Mobilità sostenibili, Enrico Giovannini, quando parla delle migrazioni e della politica del governo Draghi sui porti. In un’intervista a La Stampa spiega che questo esecutivo non ha intenzione di chiuderli:

“Ci sono chiare norme vigenti, ancora più importanti da rispettare in epoca di Covid: bisogna salvare le persone e metterle in sicurezza dal punto di vista sanitario. Ma ci sarà una sintesi politica complessiva, che spetta al presidente Draghi e al governo nella sua collegialità”.

Negli ultimi giorni si è riaperte il dibattito sul ponte sullo Stretto di Messina. Il progetto non è inserito nel Pnrr, ma i tecnici del ministero hanno fatto uno studio sulla possibile opera. Il gruppo di lavoro, pochi giorni fa, ha ritenuto “che sussistano profonde motivazioni per realizzare un sistema di attraversamento stabile dello Stretto”. Sul tema il ministro dice:

“Oggi ci sono alcune condizioni diverse rispetto al progetto originario, dal punto di vista economico, normativo e trasportistico. Ad esempio, c’è la novità della linea ferroviaria ad alta velocità Salerno-Reggio Calabria, quella sì inserita nel Piano di Ripresa e Resilienza. La relazione tecnica della commissione istituita al ministero è stata inviata al Parlamento: vengono scartate le ipotesi dei tunnel, mentre si suggerisce di fare uno studio di fattibilità tecnico-economica sulle soluzioni del ponte a una o a più campate. In quest’ultimo casa servono anche analisi sismiche, perché la posizione del ponte sarebbe diversa, più vicina a Reggio “alabria e a Messina. Sulla base di questa relazione ci sarà un dibattito pubblico”.

Da parte sua nessun pregiudizio:

“Io invito sem...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli