Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,97 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,23 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,39 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,45 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    48.110,51
    +718,73 (+1,52%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,28 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +16,30 (+0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,2167
    +0,0098 (+0,82%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,81 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8695
    +0,0013 (+0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4743
    +0,0081 (+0,55%)
     

Nexi: cashback verso modifiche, impatto limitato per la PayTech (analisti)

Alessandra Caparello
·1 minuto per la lettura

In salita a Piazza Affari il titolo Nexi che al momento segna +0,30% a 15,86 euro. Nella giornata di oggi il consiglio dei ministri dovrebbe discutere il nuovo documento circa l’utilizzo dei 191,5 miliardi della Recovery and Resilience Facility e sui poco più di 30 miliardi del fondo `complementare` finanziato con lo scostamento di bilancio approvato ieri dalle Camere. Secondo il Sole24Ore la parte di risorse comunitarie utilizzata in chiave sostitutiva, cioè per coprire programmi già esistenti, scende a 53 miliardi dai 65,7 scritti nelle bozze di gennaio. L’alleggerimento della parte sostitutiva sarebbe dovuto prima di tutto all’uscita del cashback (quasi 5 miliardi) dal programma comunitario. Naturalmente, scrive Equita, nulla impedisce a priori di finanziare con fondi nazionali le voci uscite dal Recovery. “A nostro avviso, come riportato anche dal Corriere, è probabile che la misura possa essere corretta rispetto alla versione originale prevista dal precedente Governo, sia nelle modalità attuative che di finanziamento, ma che rimanga in vigore. Ad ogni modo anche nel caso la misura venisse ridimensionata o eliminata l’impatto sarebbe limitato per Nexi in quanto, in base alle dichiarazioni del management, è atteso contribuire per circa 1% alla crescita del fatturato nel 2021” concludono gli esperti della Sim.