Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • Dow Jones

    37.787,98
    -195,26 (-0,51%)
     
  • Nasdaq

    15.941,80
    -233,29 (-1,44%)
     
  • Nikkei 225

    39.232,80
    -290,75 (-0,74%)
     
  • EUR/USD

    1,0630
    -0,0016 (-0,15%)
     
  • Bitcoin EUR

    59.736,30
    -989,25 (-1,63%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • HANG SENG

    16.600,46
    -121,23 (-0,72%)
     
  • S&P 500

    5.075,29
    -48,12 (-0,94%)
     

Nexi, in guidance 2024 vede crescita Ebitda mid-to-high single digit, propone buyback

Una donna lascia la sede del gruppo finanziario Nexi a Milano

ROMA (Reuters) - Nexi prevede una crescita dell'Ebitda "mid-to-high" single digit nella sua guidance per l'anno in corso, dopo aver chiuso il 2023 con una crescita del margine operativo lordo del 10% su anno a 1,75 miliardi di euro.

La società di pagamenti ha chiuso lo scorso anno con un "excess cash generation" pari a 601,1 milioni di euro in forte crescita e nella guidance per il 2024 ha un obiettivo di eccedenza di cassa di più di 700 milioni. Tra gli obiettivi a medio termine aggiornati, prevede ora di raggiungere un miliardo di generazione di cassa organica nel 2026, con un Ebitda margin in espasione di oltre 100 punti base l'anno.

"Il Consiglio di Amministrazione ha deciso di proporre alla prossima Assemblea degli Azionisti del 30 aprile 2024 un programma di riacquisto di azioni proprie della durata di 18 mesi fino ad un massimo di 500 milioni (pari a circa il 13% del flottante)". In futuro, dice una nota della società, Nexi prevede di continuare a destinare agli azionisti una parte significativa della cassa in eccesso attraverso ulteriori programmi di riacquisto di azioni o dividendi a seconda delle condizioni generali di mercato.

Nel 2023 i ricavi si sono attestati a 3,36 miliardi in crescita del 7%, mentre per quest'anno l'obiettivo "alla luce di un persistente scenario macroeconomico complesso" è di una crescita "mid-single digit". A medio termine la società vede questa crescita "in graduale ri-accelerazione".

Comunicato integrale

(Stefano Bernabei, editing Andrea Mandalà)