Italia Markets close in 48 mins

Nexi pronta per la quotazione in Borsa Italiana. Da aprile l’offerta

Fabio Carbone
Nexi spa pronta a quotarsi in Borsa, attende l’ok di Borsa Italiana e Consob. L’offerta potrebbe partire già da aprile 2019. Leggi i dettagli dell’operazione.

Nexi S.p.A. continua il processo di quotazione presso Piazza Affari e nel comunicato stampa di oggi 18 marzo, “comunica di aver presentato domanda a Borsa Italiana S.p.A. per l’ammissione alla quotazione delle proprie azioni ordinarie sul Mercato Telematico Azionario (MTA) e gestito da Borsa Italiana”.

L’offerta potrebbe essere avviata nel mese di aprile 2019, se arriveranno le autorizzazioni da parte di Borsa Italiana e Consob.

L’azienda italiana Nexi fornisce alle banche, società private e pubbliche amministrazioni infrastrutture per i pagamenti digitali. Nel 2018 Nexi era stata oggetto di una riorganizzazione societaria che aveva previsto la separazione delle attività legate ai pagamenti digitali, dai servizi puramente di natura bancaria. La strategia espansiva di Nexi ora continua con la quotazione della società alla Borsa di Milano.

Caratteristiche della quotazione di Nexi alla Borsa di Milano

Il flottante richiesto ai fini della quotazione in Borsa sarà realizzato attraverso un’offerta privata riservata a investitori qualificati in Italia e investitori istituzionali all’estero.

L’offerta comprenderà due tipi di azioni:

  1. azioni di nuova emissione nella forma di un aumento di capitale tra i 600 milioni di euro ed i 700 milioni di euro;
  2. azioni esistenti.

Tale offerta è stata così predisposta per soddisfare i requisiti minimi richiesti da Borsa Italiana per la quotazione.

Altri particolari sulla struttura dell’offerta saranno comunicati pochi gironi prima dell’avvio dell’offerta. Nexi prevede anche la “concessione di un’opzione greenshoe”.

Nexi spa. Come sarà utilizzato l’aumento di capitale

L’aumento di capitale previsto per la quotazione di Nexi in Borsa, sarà utilizzato per ridurre l’indebitamento finanziario del gruppo, allo scopo di raggiungere entro la fine del 2019 un indebitamento finanziario netto ed EBITDA normalizzato compreso tra 3 e 3,5 volte.

Nexi sta anche stipulando un nuovo contratto di finanziamento condizionato al completamento dell’offerta, allo scopo di rifinanziare a condizioni migliori una parte dell’indebitamento in essere post quotazione.

Politica dei dividendi sui titoli Nexi spa

Nexi prevede di realizzare una politica di distribuzione dei dividendi di medio-lungo periodo, con un dividend pay-out ratio target compreso tra il 20% e il 30% degli utili distribuibili.

Il dividendo terrà sempre conto dei limiti normativi, ma anche dell’indebitamento finanziario del gruppo e delle esigenze di investimento.

I primi dividendi, se distribuibili, faranno riferimento ai risultati dell’esercizio di bilancio che chiuderà al 31 dicembre 2019.

Le banche impegnate nell’offerta Nexi

Le maggiori banche italiane e straniere sono coinvolte nell’offerta con vari ruoli.

  • Joint global coordinator e joint bookrunner: BofA Merrill Lynch, Banca IMI, Goldman Sachs International, Mediobanca.
  • Joint bookrunner: Banca Akros spa, HSBC, MPS Capital Services, UBI Banca spa, Unicredit Corporate & Investment Banking.
  • Sponsor: Banca IMI, Banca Akros spa

Andamento del FTSE MIB alla Borsa di Milano 18 marzo

Prima di concludere diamo uno sguardo all’andamento dell’indice FTSE MIB alla Borsa di Milano, di oggi 18 marzo.

Il FTSE MIB guadagna il +0,62% al momento della pubblicazione. Positivi anche gli altri indici di Piazza Affari, di cui qui presentiamo un riassunto:

  • FTSE Italia All-Share: +0,74%;
  • FTSE Italia Mid Cap: +0,41%;
  • FTSE Italia STAR: +0,58%;

Per saperne di più sugli indici FTSE, leggi la guida al FTSE MIB e agli indici FTSE.

Andamento dello spread Btp Italia – Bund a 10 anni

In calo lo spread Btp Italia – Bunda a 10 anni, a 237 punti base. Il differenziale ritorna sui livelli di fine settembre 2018, una buona notizia per il debito pubblico italiano.

Leggi anche cosa ha scritto Moody’s nell’ultimo aggiornamento sul rating Italia.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: