Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.586,88
    -58,96 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    32.803,47
    +76,65 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    12.657,55
    -63,03 (-0,50%)
     
  • Nikkei 225

    28.175,87
    +243,67 (+0,87%)
     
  • Petrolio

    88,53
    -0,01 (-0,01%)
     
  • BTC-EUR

    22.614,91
    -331,30 (-1,44%)
     
  • CMC Crypto 200

    533,20
    -2,02 (-0,38%)
     
  • Oro

    1.792,40
    -14,50 (-0,80%)
     
  • EUR/USD

    1,0187
    -0,0063 (-0,61%)
     
  • S&P 500

    4.145,19
    -6,75 (-0,16%)
     
  • HANG SENG

    20.201,94
    +27,90 (+0,14%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.725,39
    -29,21 (-0,78%)
     
  • EUR/GBP

    0,8431
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CHF

    0,9789
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,3164
    -0,0018 (-0,13%)
     

NielsenIQ rilascia un nuovo rapporto incentrato sull'impatto dell'inflazione su grandi e piccoli marchi

Nel suo ultimo studio globale, NielsenIQ presenta un nuovo quadro di riferimento per aiutare i marchi piccoli e medi a scalare la crescita

CHICAGO, July 20, 2022--(BUSINESS WIRE)--NielsenIQ presenta i risultati del suo Brand Balancing Act, uno studio globale che offre una prospettiva su come i consumatori percepiscono i marchi di piccole e medie dimensioni nel nuovo mercato inflazionistico. Tra sfide di catena di fornitura, pressioni inflazionistiche e caute intenzioni di spesa dei consumatori, i piccoli marchi affrontano un campo da gioco complicato. Concentrandosi sulle preferenze dei marchi dei consumatori, sul benchmarking delle prestazioni, sui tempi del ciclo delle tendenze, e sulla distinzione significativa, i marchi di piccole e medie dimensioni possono approfittare delle risposte dei consumatori dell'economia volatile.

"L'inflazione ha fortemente sottolineato l'importanza di ogni investimento e sforzo strategico realizzato da marchi di dimensioni più piccole. Con l'aumento del costo dei prodotti, aumenta anche il costo del mancato incontro delle aspettative dei consumatori", ha dichiarato Lauren Fernandes, Direttore Globale di Leadership del Pensiero. "La buona notizia per le piccole e medie imprese è che nonostante molte PMI siano ampiamente 'non note' in termini di notorietà stando al nostro recente studio, i consumatori prendono in considerazione una gamma più ampia di marchi quando decidono cosa comprare".

Le grandi aziende hanno un vantaggio contro l'inflazione e i problemi di catena di fornitura che le aziende più piccole spesso faticano ad affrontare, rendendo l'equilibrio per le piccole e medie imprese uno sforzo cruciale ma potenzialmente gratificante in questo determinato momento. Il Brand Balancing Act offre una prospettiva su come le pressioni inflazionistiche stiano impattando i marchi e le strategie di piccole e medie dimensioni utilizzabili per dimostrare il proprio valore e rimanere allineate ai valori chiave cercati dai consumatori. L'analisi ha inoltre sottolineato quanto segue:

  • il 56% dei consumatori globali preferisce acquistare prodotti locali da piccole aziende della zona

  • il 57% cerca di sostenere i piccoli marchi ove possibile, ma trovano sempre più difficile trovarli sugli scaffali

  • il 51% ritiene che i piccoli marchi siano più autentici e fidati rispetto ai grandi marchi

  • il 47% ritiene che i piccoli marchi siano solitamente più costosi ma sono disposti a spendere un pò di più

  • l'86% dei consumatori globali ritiene che i motivi funzionali come la disponibilità, la qualità e la convenienza siano della massima importanza quando decidono cosa acquistare

"L'ambiente macroeconomico di oggi ha creato una tempesta perfetta per permettere alle piccole e medie imprese di connettersi con i consumatori. Ma la stessa tempesta potrebbe offuscare i marchi più piccoli prima che possano crescere. Il segreto sarà scoprire le leve giuste, sulla base dei dati giusti dei consumatori, per apportare innovazioni significative", afferma Fernandes. "Il 48% degli intervistati ha dichiarato che intende fare maggiori acquisti da marchi più piccoli in futuro, pertanto le aziende di piccole-medie dimensioni che comprendono i fattori che stanno alla base di un acquisto in questo nuovo scenario molto probabilmente trarranno vantaggio dalle preferenze aggiornate dei consumatori".

Informazioni su NielsenIQ

NielsenIQ, una società globale di servizi informativi, vanta lo standard più elevato nella misurazione dei comportamenti dei consumatori e delle vendite al dettaglio, grazie alla comprensione più connessa, completa e utile sul dinamico canale omnicanale globale. NielsenIQ è una fonte di fiducia per i settori in cui opera ed è un'azienda pionieristica che definisce una nuova era nella misurazione dei comportamenti dei consumatori e della vendita al dettaglio. I suoi dati, le informazioni connesse e le analisi predittive ottimizzano le performance delle società che operano nel settore dei prodotti confezionati e della vendita al dettaglio, avvicinandole alle comunità per cui operano e supportandone la crescita.

NielsenIQ, società del portafoglio Advent International, ha operazioni in oltre 90 mercati e copre più del 90% della popolazione mondiale. Per maggiori informazioni, visitare NielsenIQ.com.

Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l'unico giuridicamente valido.

Vedi la versione originale su businesswire.com: https://www.businesswire.com/news/home/20220720005292/it/

Contacts

Media
Gillian Mosher
Gillian.mosher@nielseniq.com

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli