Italia Markets closed

Niente shopping compulsivo, saldi 2020 partono fiacchi nonostante sconti fino a -50%

Titta Ferraro

Partenza fiacca per i saldi invernali 2020. Lo afferma il Codacons, che sta monitorando l’andamento degli sconti di fine stagione nelle principali città. “Non si registra al momento nessuna corsa all’acquisto, e l’avvio degli sconti di fine stagione appare oltremodo “tiepido” – spiega il presidente del Codacons, Carlo Rienzi – Centri commerciali e vie dello shopping hanno visto aumentare il numero di presenze ma i cittadini si limitano ad osservare le vetrine e tenere d’occhio i prezzi. Un discorso a parte meritano gli outlet – dove, come di consueto, nel primo giorno di saldi si registrano code e resse da parte di chi cerca capi firmati a prezzi scontatissimi - e le boutique d’alta moda dei centri storici, dove però i clienti sono in prevalenza turisti stranieri, in testa russi, cinesi e giapponesi”.

La partenza dei saldi è quindi stata fiacca in quasi tutte le città d’Italia nonostante le percentuali di sconto siano altissime e raggiungano in molti casi -50%, strategia obbligata per i commercianti che vogliono attirare clientela e tenere testa al recente Black Friday. "Per un bilancio realistico dei saldi occorrerà attendere le prossime settimane, ma l’andamento della prima giornata conferma purtroppo le nostre previsioni sugli sconti di fine stagione, che a fine periodo faranno registrare una contrazione media delle vendite del -10% rispetto allo scorso anno", conclude il Codacons.