Italia markets close in 5 hours 59 minutes
  • FTSE MIB

    25.422,03
    +65,88 (+0,26%)
     
  • Dow Jones

    35.116,40
    +278,24 (+0,80%)
     
  • Nasdaq

    14.761,29
    +80,23 (+0,55%)
     
  • Nikkei 225

    27.584,08
    -57,75 (-0,21%)
     
  • Petrolio

    70,33
    -0,23 (-0,33%)
     
  • BTC-EUR

    31.887,33
    -906,52 (-2,76%)
     
  • CMC Crypto 200

    924,25
    -19,19 (-2,03%)
     
  • Oro

    1.810,80
    +0,70 (+0,04%)
     
  • EUR/USD

    1,1861
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • S&P 500

    4.423,15
    +35,99 (+0,82%)
     
  • HANG SENG

    26.426,55
    +231,73 (+0,88%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.143,99
    +26,04 (+0,63%)
     
  • EUR/GBP

    0,8512
    -0,0013 (-0,15%)
     
  • EUR/CHF

    1,0726
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,4866
    -0,0004 (-0,03%)
     

Nike boom in Borsa dopo bilancio migliore delle attese, titolo +11%. Superata prova boicottaggio Cina per caso uiguri

·2 minuto per la lettura

Nike ha annunciato di aver concluso il suo quarto trimestre fiscale con utili e fatturato superiori alle attese. In particolare, il fatturato è volato del 96% su base annua, a $12,3 miliardi, rispetto agli $11,033 attesi dal consensus. L'utile per azione su base adjusted si è attestato a $93 centesimi, ben oltre i $50 per azione attesi. "I forti risultati riportati da Nike sia nel corso di questo trimestre che nell'intero anno fiscale dimostrano il vantaggio competitivo unico del gruppo e il profondo legame con i consumatori di tutto il mondo - ha commentato John Donahoe, direttore generale e amministratore delegato di Nike, stando a quanto emerge dal comunicato stampa - L'anno fiscale 2021 è stato cruciale per Nike, visto che abbiamo portato in tutto il mercato la strategia Consumer Direct Acceleration. Grazie al momento positivo, continuiamo a investire nell'innovazione e nella nostra leadership digitale per porre le basi per la crescita di lungo termine di Nike". La strategia Consumer Direct Acceleration, si ricorda, è stata lanciata per "servire il consumatore in modo personale ma su larga scala". In molti si erano chiesti se il brand avrebbe continuato a pagare il prezzo per le dichiarazioni rilasciate riguardo alla violazione dei diritti umani degli uiguri nella provincia cinese di Xinjiang; ma la crescita del brand in Cina continua nonostante la campagna di boicottaggio che ha colpito in Cina diversi marchi occidentali come anche H&M e Adidas. Verso la fine di marzo un portavoce di Nike si era così espresso sulla questione: "Siamo preoccupati per le segnalazioni di lavoro forzato nella regione autonoma uigura (XUAR) dello Xinjiang e ad essa collegata. Nike non si rifornisce di prodotti dallo XUAR e ci siamo assicurati con i nostri fornitori ufficiali di non utilizzare tessuti o filati da quella regione". Ma nella Grande Cina Nike ha visto le vendite salire del 9% a $1,9 miliardi. Il fatturato dell'intero anno fiscale del colosso degli articoli sportivi è salito del 19% a $44,5 miliardi, con il margine lordo che, nel quarto trimestre, è cresciuto di 850 punti base al 45,8%. Il titolo balza in premercato di quasi +11%.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli