Italia Markets close in 3 hrs 22 mins

Non contate sulla SARB

Swissquote
 

L’ottimismo dello ZAR dovuto alle aspettative del mercato sul fatto che la South Africa Reserve Bank dovrebbe rimanere immobile e mantenere il suo tasso repo invariato al 6,50 % è probabilmente inadeguato dopo gli ultimi verbali della Fed e considerando i rischi crescenti per l'economia. Sia il rapporto fiscale provvisorio sia la prospettiva negativa del rating di Moody´s sono segnali negativi che, se fosse confermato il downgrade creditizio, dovrebbero non solo causare notevoli deflussi e peggiorare la condizione di finanziamento delle autorità sudafricane, ma potrebbero anche portare la moneta a minimi non visti dal 2016, in mezzo all'effetto “Zuma premium”. I dubbi circa la capacità di gestione del presidente Cyril Ramaphosa per affrontare le preoccupazioni riguardanti l'onere di credito porterebbero a reazioni politiche avverse.

Considerando la situazione attuale e il fatto che l'inflazione core è sostenuta al 4% nel mese di ottobre, leggermente al di sotto della fascia media di 4,50%, non ci aspettiamo che il SARB fornisca un secondo taglio dei tassi nella sua ultima riunione di politica dell'anno, dopo un primo taglio del 18 luglio 2019. Eppure un ulteriore allentamento potrebbe essere considerato se Moody´s, l'ultima agenzia di credito che ha assegnato grado di investimento al paese, decidesse di tagliare il debito sovrano del Sud Africa dal grado di investimento inferiore Baa3 a spazzatura Ba1 nel giro di tre mesi, poco dopo la dichiarazione di politica sul bilancio di medio termine per l'esercizio 2020. Nella sua dichiarazione di bilancio ad interim, il ministro delle Finanze Tito Mboweni vede un appiattimento della crescita economica al 0,50% dal 1,50% iniziale nel 2019, mentre si prevede che il deficit di bilancio che va da aprile 2019 a marzo 2020 potrebbe raggiungere il 5,90% del PIL e il 6,50% in seguito. Ancora più preoccupante, il debito pubblico potrebbe raggiungere il 71,3% del PIL, contro una stima del 60,80% di quest'anno. In questo contesto, troviamo pochi argomenti a sostegno dello ZAR per il momento, dato che i rischi sul fronte dell’attuale discordia commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina potrebbero solo indebolire le valute dei mercati emergenti.

By Vincent Mivelaz

Autore: Swissquote Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online