Italia markets close in 6 hours 48 minutes
  • FTSE MIB

    24.484,37
    -234,44 (-0,95%)
     
  • Dow Jones

    34.347,03
    +152,93 (+0,45%)
     
  • Nasdaq

    11.226,36
    -58,94 (-0,52%)
     
  • Nikkei 225

    28.162,83
    -120,20 (-0,42%)
     
  • Petrolio

    74,18
    -2,10 (-2,75%)
     
  • BTC-EUR

    15.508,52
    -426,21 (-2,67%)
     
  • CMC Crypto 200

    379,85
    -2,81 (-0,73%)
     
  • Oro

    1.761,50
    +7,50 (+0,43%)
     
  • EUR/USD

    1,0454
    +0,0049 (+0,47%)
     
  • S&P 500

    4.026,12
    -1,14 (-0,03%)
     
  • HANG SENG

    17.297,94
    -275,64 (-1,57%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.939,66
    -22,75 (-0,57%)
     
  • EUR/GBP

    0,8635
    +0,0040 (+0,46%)
     
  • EUR/CHF

    0,9846
    +0,0010 (+0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,4040
    +0,0134 (+0,96%)
     

Nord Stream, Mosca accusa Washington e chiede di far luce sui fatti

(Adnkronos) - Mosca rilancia le accuse a Washington per il sabotaggio dei gasdotti Nord Stream nel Mar Baltico. In alcune dichiarazioni affidate alla Tass, l'ambasciatore russo a Washington, Anatoly Antonov, insiste sulla necessità di un'inchiesta per chiarire i fatti e allude chiaramente a responsabilità di parte americana. "Registriamo i tentativi di alcuni legislatori americani di incolpare la Russia degli incidenti che sono sopravvenuti ai gasdotti NordStream 1 e 2", afferma. "Forse hanno una vista migliore dall'alto di Capitol Hil. Ma se questo è il caso devono anche aver visto appena il giorno prima le attività delle navi da guerra americane esattamente sul luogo della rottura dell'infrastruttura russa. O notato droni ed elicotteri che sorvolavano la zona. O osservato le esercitazioni americane subacquee con esplosivi condotte nella stessa zona qualche tempo fa. E poi devono aver ricordato la promessa del presidente Biden di 'mettere fine' al progetto del NordStream 2".

"Quello che a noi sembra ovvio è che chi riflette sull'incidente sembra dimenticare di porsi la domanda principale: a chi giova la rottura degli oleodotti? La risposta è davanti agli occhi", sottolinea l'ambasciata per la quale non tollerando da tempo gli scambi commerciali decennali nel settore dell'energia tra Mosca e l'Europa, gli strateghi di Washington, "incapaci di offrire un'alternativa decente in materia di forniture affidabili e, non meno importante, a basso costo, di gas, gli Stati Uniti hanno deciso di far da parte la Russia come concorrente utilizzando metodi e sanzioni non di mercato".

"Da parte nostra - aggiunge - insistiamo sulla necessità di un esame completo e obiettivo delle circostanze degli attacchi senza precedenti agli oleodotti russi. Per discutere di questo problema, la Federazione russa convocherà una riunione straordinaria del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite".